CGIL Modena

SCIOPERO ALLA CPS DI SAN FELICE MARTEDÌ 6 MAGGIO

San Felice s/Panaro (Mo), 2 maggio 2008
SCIOPERO ALLA CPS DI SAN FELICE MARTEDÌ 6 MAGGIO
presidio davanti ai cancelli aziendali, ore 8-10

Sciopero di 4 ore (le prime del turno) martedì 6 maggio allo stabilimento CPS di San Felice sul Panaro, azienda metalmeccanica di circa 160 addetti dell’omonimo gruppo multinazionale finlandese che produce e commercializza macchinari per la produzione di vernici.

Lo sciopero di martedì prossimo rientra in un pacchetto complessivo di 12 ore, proclamato dalla RSU aziendale e dalla FIOM/CGIL contro la rottura delle trattative per il rinnovo del contratto aziendale (2008-2011) scaduto lo scorso dicembre.

Dopo 4 mesi di infruttuose trattative, il Sindacato ha deciso l’azione di lotta per l’indisponibilità aziendale su diversi punti della piattaforma, in particolare su mercato del lavoro e aumento salariale.
“L’azienda – spiega Erminio Veronesi della FIOM/CGIL di San Felice – vuole eliminare conquiste già presenti nel contratto, quale il tetto alle assunzioni a tempo determinato e di lavoro interinale (sino ad un massimo del 12% della forza lavoro) e vuole abolire anche l’obbligo di assunzione per chi ha lavorato con contratti a termine almeno un anno nell’arco degli ultimi 24 mesi”.

Inaccettabile anche la proposta aziendale sul premio di risultato (circa 1.000-1.200 euro l’anno), che l’azienda pretenderebbe di non legare più a parametri di produttività e qualità, ma al raggiungimento di parametri finanziari e di fatturato sia dello stabilimento di San Felice che dell’intero gruppo. “Parametri irraggiungibili – commenta ancora il sindacalista – poiché per erogare il premio si chiede di raggiungere il 70% in più del fatturato dell’anno precedente, che è come dire non erogarlo mai”.

image_printStampa
Taggato con: , , ,
RELATED ARTICLES
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top