CGIL Modena

AIMAG, SIGLATO IERI L’ACCORDO CHE PREVEDE LA MAGGIORANZA DELL’AZIONARIATO PUBBLICO E RAFFORZA I DIRITTI CONTRATTUALI DEI LAVORATORI

Aimag

E’ stato firmato ieri un importane accordo tra i rappresentanti di Aimag, i sindaci di Carpi e Medolla in rappresentanza dei Comuni soci aderenti al Patto di sindacato di Aimag Spa e i sindacati confederali Cgil Cisl Uil, unitamente a quelli di categoria Filctem-Femca-Uiltec e Fp-Fit-FpUil.

L’accordo prevede impegni sia per il rispetto dei diritti contrattuali dei lavoratori che della struttura societaria di Aimag.
I primi capitoli dell’accordo affermano infatti che le parti convengono che la maggioranza assoluta del pacchetto azionario di Aimag rimanga in capo alle Amministrazioni pubbliche e che la direzione aziendale di Aimag si impegni ad elaborare un piano industriale che preveda anche la crescita dimensionale aziendale e rafforzi la territorialità, con particolare riferimento agli investimenti, alla tutela del perimetro industriale, dei diritti dei lavoratori e dei servizi agli utenti.
Per quanto riguarda i lavoratori, Aimag, Amministrazioni e Sindacati sono d’accordo sulla necessità di tutelare l’occupazione diretta e quella degli appalti, garantire i diritti normativi (collettivi ed individuali), previdenziali (maturati e in corso di maturazione), il rispetto dei contratti collettivi di settore sottoscritti dalle organizzazioni più rappresentative sul piano nazionale (Cgil-Cisl-Uil), ciò anche a garanzia del miglioramento dell’efficienza e della qualità del servizio.
Per questo le Amministrazioni comunali aderenti al patto di sindacato si attiveranno affinché, in vista delle prossime gare per la concessione del servizio gas-acqua, la Stazione appaltante inserisca nel bando di gara per il bacino Atem Modena 1, specifiche clausole per la garanzia di condizioni economiche e normative identiche a quelle in essere per i lavoratori previste dall’art.2112 del Codice Civile, con particolare riferimento al diritto di mantenimento dell’iscrizione all’Inpdap (per chi avesse optato in tal senso) anche con il nuovo gestore, e all’applicazione del CCNL unico di lavoro del settore gas-acqua (ex Federgasacqua) e Federambiente a tutti i dipendenti.

Le parti ritengono i servizi pubblici locali strategici per lo sviluppo economico, sociale, ambientale e occupazionale del territorio. Di conseguenza è fondamentale il mantenimento delle competenze e delle professionalità presenti per garantire continuità e qualità del servizio e sicurezza degli impianti.
Le Amministrazioni comunali sono quindi impegnate affinché la Stazione appaltante assicuri che siano esercitati i controlli e le verifiche sulla gestione del servizio e siano applicate le clausole a tutela dei lavoratori inserite nel bando.

 

Mirandola, 27 luglio 2018

image_printStampa
RELATED ARTICLES

Back to Top