CGIL Modena

CORONAVIRUS. È ON LINE LA RICERCA DI FEDERCONSUMATORI “CORONAVIRUS, COME CAMBIA LA NOSTRA VITA”. 30 DOMANDE PER STUDIARE COME LA PANDEMIA STA INCIDENDO SULLE NOSTRE ABITUDINI, CON UN OCCHIO PARTICOLARE SULLA SANITÀ DIGITALE

coronavirus Federconsumatori

“Come valuta la reazione delle istituzioni italiane di fronte all’emergenza Coronavirus?”. E poi: “Sono state prese delle misure restrittive dei comportamenti individuali, lei vi si attiene?”. Ancora: “In un periodo in cui il comportamento individuale è posto sotto sorveglianza, cosa le manca e in che misura?”. Infine: “Secondo lei, cosa produrrà nel tempo il Coronavirus?”. Sono solo alcune delle 30 domande della ricerca di Federconsumatori Emilia-Romagna e nazionale dal titolo “Coronavirus, come cambia la nostra vita”.
Lo studio, con il supporto scientifico dell’istituto di ricerca IRES ER, è stato avviato tra i cittadini della regione per studiare in che modo la pandemia in corso sta incidendo sulla vita delle persone, in termini di comportamenti, atteggiamenti, di scale valoriali e di giudizio su quanto sta accadendo dedicando una parte importante al tema della sanità digitale.
Il questionario è disponibile solo on line ed è rigorosamente anonimo.
Rispondere ai quesiti è un modo per le persone di riflettere e di dare vita a una ricerca che ci servirà tra qualche mese per elaborare quanto è accaduto e per trarne spunti e indicazioni per il futuro.
Federconsumatori ringrazia già da subito a chi vorrà collaborare compilando il questionario, realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia-Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo economico.
È possibile rispondere andando sul sito www.federconsumatorier.it (o direttamente su https://www.federconsumatori.it/doc/partecipa-al-sondaggio-coronavirus-come-cambia-la-nostra-vita/20200317013304), sulla pagina Facebook Federconsumatori Emilia-Romagna e sui siti e pagine Facebook delle Federconsumatori territoriali.

 

Bologna, 18 marzo 2020

 

image_printStampa
RELATED ARTICLES
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top