CGIL Modena

COVID-19. BUON PUNTO DI EQUILIBRIO LA SCELTA DEI TAMPONI PER FERMARE I FOCOLAI, COSÌ COME È IMPORTANTE TRASFERIRE I POSITIVI IN STRUTTURE AD HOC

prosciutti

La recente ordinanza regionale per fermare i focolai in alcuni settori produttivi del nostro territorio, arrivata al termine di un confronto con CGIL, CISL e UIL, rappresenta un buon punto di equilibrio, soprattutto nella scelta di preferire l’uso dei tamponi ai test sierologici. Questi ultimi avrebbero creato un problema di copertura salariale per le lavoratrici e i per i lavoratori interessati, mentre con il tampone, in caso di positività, è previsto l’isolamento, che viene considerato come un periodo di malattia.
Si tratta dunque di una misura di prevenzione necessaria, soprattutto perché interviene in settori che presentano processi produttivi frammentati e con rapporti e condizioni di lavoro fragili. Per questo motivo è fondamentale garantire tutte le misure di sicurezza, sia dal punto di vista del rapporto di lavoro che da quello delle condizioni sociali. Proprio in questa direzione si muove un altro importante intervento contenuto nell’ordinanza, cioè la scelta di trasferire chi ha contratto il virus in una struttura specifica, qualora la sua abitazione non presentasse le condizioni idonee alla cura.
Resta ora da indagare e approfondire con determinatezza le condizioni di vita di grande fragilità di queste lavoratrici e di questi lavoratori, spesso migranti, per arginare il prima possibile un fenomeno di fronte al quale l’Emilia-Romagna non può ritenersi immune.

 

CGIL Emilia-Romagna
CISL Emlia-Romagna
UIL Emilia-Romagna

 

image_printStampa
RELATED ARTICLES
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top