CGIL Modena

Ddl sicurezza, le misure principali / Scheda/Rassegna.it

Sono saltate le norme sui medici spia negli ospedali e sui presidi spia nelle scuole, restano invece il reato di immigrazione clandestina, il prolungamento della permanenza nei centri di identificazione fino a 6 mesi, la tassa di soggiorno, la stretta sui matrimoni tra italiani e stranieri, il carcere per chi affitta ai clandestini, la legalizzazione delle ronde di cittadini, la schedatura dei clochard. Sono queste le misure principali del pacchetto sicurezza che la Camera si appresta ad approvare con voto di fiducia, e che poi tornerà all’esame del Senato.

Il reato di clandestinità prevede una multa da 5 mila a 10 mila euro e l’espulsione, ma non la reclusione per lo straniero entrato illegalmente in Italia.

La permanenza degli immigrati clandestini nei Cie, i centri di identificazione ed espulsione, è prolungata da 60 giorni a 6 mesi.

Gli stranieri avranno l’obbligo di esibire agli uffici della pubblica amministrazione il permesso di soggiorno ai fini del rilascio di licenze, autorizzazioni, e altri provvedimenti ma anche per atti di stato civile o per accedere ai pubblici servizi. Questo provvedimento, secondo l’opposizione, renderà impossibile l’iscrizione all’anagrafe per i figli dei clandestini

Chi affitta o cede casa a uno straniero senza permesso di soggiorno al momento della firma del contratto di affitto, rischia fino a tre anni di reclusione.

Uno straniero potrà sposare un italiano solo presentando il permesso di soggiorno all’ufficiale dello stato civile, oltre al nulla osta del paese di provenienza. Lo straniero può acquistare la cittadinanza italiana quando dopo il matrimonio risieda legalmente nel nostro paese da almeno due anni oppure dopo tre anni dalla data del matrimonio, se residente all’estero. I tempi sono ridotti alla metà in presenza di figli anche adottivi.

Prevista anche la schedatura dei clochard: una norma voluta dalla Lega, che prevede l’istituzione presso il Viminale del registro delle persone “che non hanno fissa dimora”.

Gli immigrati regolari dovranno pagare una tassa di soggiorno che va dagli 80 ai 200 euro. Sono esclusi i casi di richiesta di asilo e di protezione per motivi umanitari.

Via libera alle ronde dei cittadini non armati, delle quali i sindaci potranno avvalersi previa intesa col prefetto. Le associazioni saranno iscritte “in un apposito elenco tenuto a cura del prefetto”, e tra di esse avranno la precedenza quelle costituite da ex appartenenti alle Forze dell’ordine, alle Forze Armate e agli altri corpi dello Stato.

Gli agenti che si occupano dei servizi di money transfer, possibili anche presso gli uffici postali, acquisiscono e conservano per dieci anni il permesso di soggiorno dell’extracomunitario che richiede il trasferimento di denaro

Sarà più severo l’articolo 41 Bis, quello sul carcere duro che riguarda soprattutto condannati per reati legati a mafia e camorra. La detenzione sarà più lunga di altri 4 anni. Si prevedono carceri per i boss sulle isole.

Introdotta anche la norma antiracket, in basa alla quale sarà obbligatorio per gli imprenditori titolari di commesse pubbliche denunciare le estorsioni.

Torna il reato di oltraggio a pubblico ufficiale, che era stato abrogato nel 1999. Prevede fino a tre anni di reclusione per chi in un luogo pubblico o aperto al pubblico e in presenza di più persone offende l’onore e il prestigio di un ufficiale o agente di pubblica sicurezza.

Previsto il carcere fino a tre anni per chi sfrutta minorenni sotto i 14 anni per l’accattonaggio.

Nasce l’albo dei buttafuori. Il personale addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento o di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi dovrà essere iscritto in “apposito elenco, tenuto dal Prefetto competente per territorio”.

13/05/2009 12:46

image_printStampa
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top