CGIL Modena

DINAMIC OIL BOMPORTO, RINNOVO DEL CONTRATTO AZIENDALE: STABILIZZAZIONE DEI LAVORATORI, WELFARE E PREMIO DI RISULTATO

Dinamic Oil Bomporto, sottoscrizione accordo, 30.11.22

Durante l’assemblea del 28 novembre i lavoratori di Dinamic Oil, azienda di circa 250 lavoratori che a Bomporto produce argani idraulici e riduttori, hanno votato con grande soddisfazione l’ipotesi di intesa che è stata formalmente siglata il 29 novembre da Fiom/Cgil, Rsu e Direzione aziendale.

L’accordo prevede l’erogazione di 600 euro in buoni welfare entro fine dicembre e un premio di risultato variabile che, al raggiungimento di diversi indicatori, potrà arrivare a 3.800 euro, ma che garantirà sin da subito un acconto di 1.800 euro distribuito in quote mensili che passeranno dagli attuali 110 euro ai 150 euro da gennaio 2023.

”Uno degli obiettivi che i lavoratori nell’assemblea di giugno avevano indicato come priorità all’organizzazione sindacale – spiega Valerio Vanzini sindacalista Fiom/Cgil – era di far fronte alle immediate difficoltà economiche legate al caro vita e, contestualmente, di adeguare le buste paga“. Le prerogative erano le stesse che l’organizzazione sindacale si era già posta a livello nazionale, ”è stato quindi un percorso fortemente motivato – continua Vanzini – quello che ha portato al riconoscimento di 600 euro in buoni welfare entro la fine dell’anno e all’incremento di 40 euro mensili nelle buste paga“. Tutto ciò va a completamento di un percorso di adeguamento economico che, attraverso gli aumenti previsti a giugno 2023 nel Ccnl Metalmeccanica Industria, porterà ai lavoratori e alle lavoratrici di Dinamic Oil un aumento reddituale che va ben oltre il valore dell’attuale inflazione.

Altro tema che ha trovato un grande apprezzamento fra i lavoratori è stato il riconoscimento di un tavolo di confronto tra le Parti per migliorare gli spogliatoi e i sistemi di raffrescamento in officina, oltre che l’introduzione di un buono pasto elettronico che sarà del valore di 5 euro nel 2023, 6 euro nel 2024 e 7 euro nel 2025, ma ancora più qualificante è il percorso di stabilizzazione che permetterà ai lavoratori somministrati di essere assunti direttamente dall’azienda con contratto a tempo indeterminato non oltre i 24 mesi.

”In un’impresa dove attualmente ci sono diversi lavoratori in staff-leasing era imprescindibile trovare una condivisione di questo tipo, non solo per dare dignità all’occupazione, ma anche perché nell’accordo è stato specificato che le valutazioni inerenti i picchi produttivi verranno effettuate ogni 6 mesi – commenta il sindacalista Fiom/Cgil – Tutto ciò serve a ridurre gli effetti di una legislazione, quella riferita alla somministrazione di lavoro, che ancora oggi tende a considerare i lavoratori come merci. Sicuramente lo staff-leasing è un meccanismo che li rende tali, mentre dovrebbero essere ritenuti la risorsa più importante su cui incentrare la crescita del Paese. Con questo accordo in Dinamic Oil, così come in altre realtà del territorio, si sta affermando che la centralità delle persone nelle aziende è una priorità”, così conclude Vanzini.

In FOTO la delegazione trattante con i rappresentanti di Fiom Cgil, Rsu Fiom Cgil, Azienda e Confindustria Modena

 

Bomporto (Modena), 1/12/2022

image_printStampa
RELATED ARTICLES
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top