“DITA DI DAMA”, PARTE DA MODENA IL MONOLOGO DI LAURA POZONE. MERCOLEDI’ 7 MARZO ALLO SPAZIO STED

Parte da Modena la tournée teatrale di Laura Pozone con lo spettacolo “Dita di dama”. Un monologo tratto dall’omonimo romanzo di Chiara Ingrao che sarà rappresentato mercoledì 7 marzo allo Spazio Sted (viale Muratori, 75/B) alle ore 21. L’adattamento è di Laura Pozone e Massimiliano Loizzi, scene Paola Tintinelli. Produzione Teatro della Cooperativa e Aparte Ali per l’Arte.
Lo spettacolo è proposto dal sindacato Filcams/Cgil nazionale, Ce.Mu e Centri Studi Filcams, in collaborazione con la Filcams e la Cgil di Modena nell’ambito delle celebrazioni dell’8 Marzo, giornata della donna, e si sposterà successivamente in diversi territori. L’ingresso è libero e aperto a tutti sino ad esaurimento posti.

“Dita di Dama” narra, con un tocco di comicità, la storia di Maria entrata in fabbrica a 18 anni, nel 1969, e tra ritmi massacranti, scioperi, amori e ribellioni ci accompagna nell’Italia dello Statuto dei Lavoratori.
Le “dita di dama” sono le dita di Maria, la protagonista: dita curatissime e sottili, con le quali Maria avrebbe voluto fare la dattilografa, ma che invece la portano a lavorare in una fabbrica di televisori, dove servono mani sottili come le sue. Romanzo di formazione ambientato nel 1969 “Dita di dama” tratta temi più che mai attuali: Maria simboleggia le ragazze di oggi, le loro paure e le loro preoccupazioni, ma anche la loro forza e la loro voglia di riscatto.

La Filcams e la Cgil intendono condividere questa storia lontana negli anni, ma pur sempre attuale. Mai come oggi è importante riflettere sulla condizione della donna nel mondo del lavoro.
Il sindacato del terziario e del commercio come la Filcams/Cgil rappresenta in maggioranza donne, con le loro storie quotidiane fatte di problemi, orari impossibili, precarietà, ma anche di coraggio e tenacia nel portare avanti valori, impegno e militanza.
Il mondo del lavoro, specie per le donne, sta lentamente, ma costantemente, regredendo, vanificando per alcuni aspetti alcune delle importanti conquiste frutto delle lotte che hanno caratterizzato gli Anni ’70, periodo in cui è ambientato il romanzo, e che hanno portato alla conquista di diritti che dovrebbero essere intoccabili.

In occasione dello spettacolo è prevista una sottoscrizione a favore del Centro antiviolenza Fabiana Onlus, e sarà in distribuzione anche il libro di Chiara Ingrao “Dita di dama” (Baldini e Castoldi, 2014). L’attrice Laura Pozone proporrà un estratto dello spettacolo anche all’iniziativa unitaria di Cgil Cisl Uil per la giornata dell’8 marzo.

 

Modena, 1° marzo 2018

 

Dita di dama, Modena 7.3.18