CGIL Modena

GAMBRO-DASCO: I SINDACATI CHIEDONO GARANZIE CERTE SULLA RICOLLOCAZIONE DEL PERSONALE IN ESUBERO

Medolla, 4 novembre 2008

                       

                       

 

 

Il progetto industriale presentato dalla direzione aziendale della Gambro-Dasco di Medolla ai Sindacati nell’incontro del 30 ottobre scorso, è ancora insufficiente e incompleto.

Mancano chiari riferimenti agli investimenti per i prossimi anni, sia rispetto allo sviluppo della nuova macchina per dialisi che all’eventuale potenziamento dello stampaggio.

Inoltre, l’azienda ancora prevede la delocalizzazione in Repubblica Ceca dei due reparti di assemblaggio automatico e manuale del settore plastica, che per i sindacati sono invece ancora funzionali alle logiche di impresa per garantire produzioni di qualità e il mantenimento a Medolla di tutto il sito produttivo.

Pur in una logica di ristrutturazione aziendale, i Sindacati chiedono garanzie certe – che al momento non sono state rese note – per una giusta ricollocazione del personale all’interno dello stabilimento di Medolla, di tutto il personale sia i lavoratori a tempo indeterminato che quelli precari. Ciò anche a fronte della disponibilità dell’assessore provinciale a promuovere corsi di riqualificazione per gli eventuali esuberi dichiarati dall’azienda.

image_printStampa
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top