CGIL Modena

GESTIONE BAR OSPEDALI CASTELFRANCO ED EX ESTENSE MODENA: L’AUSL RASSICURI SUI CREDITI VANTATI DAI LAVORATORI

Castelfranco Emilia, 6 maggio 2010

Il sindacato Filcams/Cgil ritiene positivo il fatto che l’Ausl di Modena sia al corrente delle anomalie che si verificano presso i bar dell’Ospedale di Castelfranco Emilia e dell’ex Estense di Modena, ma proprio per questo motivo si richiede un’immediata disponibilità da parte della stessa Ausl a farsi carico dei crediti che i lavoratori debbono ancora avere da Italia Servizi.

I lavoratori in questione hanno prestato la propria attività lavorativa all’interno delle strutture dell’Ausl fornendo un quotidiano servizio alle persone che nel corso di questi anni sono transitate presso gli ospedali in questione, compreso il personale sanitario interno.

La Filcams non ritiene sufficiente la risposta che l’Ausl è in attesa dell’esecutorietà della sentenza per poter attivare gli atti di esecuzione forzata nei confronti del fornitore.

Si occuperanno solo di recuperare i crediti che Italia Servizi deve all’Azienda sanitaria come mancato pagamento degli affitti dei locali? E  i crediti di chi ha lavorato?

Riteniamo imprescindibile che l’Ausl si faccia carico dei crediti dei lavoratori di Italia Servizi, dando a loro chiare rassicurazioni in tal senso.

Filcams/Cgil Castelfranco Emilia

Castelfranco Emilia, 5 maggio 2010

GESTIONE BAR OSPEDALE CASTELFRANCO E VECCHIO ESTENSE MODENA: ITALIA SERVIZI NON PAGA I LAVORATORI

Nei bar dell’Ospedale di Castelfranco Emilia e del vecchio ospedale Estense di Modena pare che oltre al caffè anche il lavoro sia nero.

Italia Servizi è la Cooperativa che ha vinto l’appalto per la gestione dei bar all’interno delle due strutture ospedaliere, fornendo quotidianamente il servizio di ristorazione per il personale e gli utenti degli ospedali.

Purtroppo, però, questo servizio risulta essere fornito anche da personale che viene pagato con mesi di ritardo o che non riesce mai a vedersi riconosciute le ore lavorate, per non parlare dei versamenti contributivi che paiono essere considerati un optional da Italia Servizi.

La Cooperativa è stata più volte denunciata presso l’Ispettorato del Lavoro di Modena, ma da Italia Servizi non sono mai arrivate delle risposte, e non solo da loro.

La Ausl di Modena era già stata informata delle anomalie che gli ex lavoratori della Cooperativa avevano esposto alla Filcams/Cgil, ma le cose paiono non essere assolutamente cambiate.

Oggi se andate al bar dell’Ospedale di Castelfranco Emilia o del vecchio Estense di Modena vi vedrete ancora serviti da personale di Italia Servizi.

Sembra proprio che la delibera del direttore generale dell’Ausl del 29 luglio 2008 che recitava “Gestione dei bar interni agli Ospedali Estense e di Castelfranco Emilia azioni giudiziarie per far dichiarare risolti i contratti di appalto e per il recupero delle somme non pagate (Euro 3.672,00)” non abbia avuto alcun esito.

E’ possibile che negli Ospedali di Modena possa agire indisturbata una Cooperativa che infrange le più basilari norme sul lavoro?

Chiediamo con forza all’Ausl di Modena di ripristinare la legalità all’interno degli appalti gestiti da Italia Servizi, facendosi carico di tutte quelle somme che la Cooperativa non ha mai pagato ai lavoratori che hanno svolto il loro lavoro con la massima professionalità e che chiedono solo il pagamento delle ore svolte ed il riconoscimento dei contributi.

Nel 2010, a Modena, sembra tanto anche una rivendicazione del genere.

Filcams/Cgil Castelfranco Emilia

image_printStampa
Iscriviti alla Newsletter della Cgil di Modena
Taggato con:
RELATED ARTICLES
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top