CGIL Modena

VERTENZA FINI: I SINDACATI INCONTRANO LUNEDI 22 GIUGNO SINDACO E PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Modena, 18 giugno 2009

 

 

 

 

 

I Sindacati dell’agroalimentare modenese FAI/CISL, FLAI/CGIL UILA/UIL insieme alle RSU dello stabilimento FINI di Modena incontreranno lunedì 22 giugno prossimo alle ore 12.30 presso la sede del Municipio di Modena il Sindaco Giorgio Pighi e il Presidente della Provincia Emilio Sabattini per affrontare la delicata situazione dello stabilimento modenese, sia per quanto riguarda la tenuta occupazionale, sia per evitare la vendita del marchio e la conseguente perdita sul territorio locale della produzione tipica di pasta fresca (compresi i famosi tortellini).

 

I Sindacati accolgono con favore l’immediata disponibilità ad un incontro data dagli Amministratori modenesi e auspicano che insieme a Sindaco e Presidente di provincia si possa arrivare ad attivare un percorso di confronto con la proprietà che possa portare ad una positiva soluzione sia occupazionale che produttiva.

 

 

 

 

GRUPPO FINI: I SINDACATI DELL’AGROALIMENTARE CHIEDONO INCONTRO A SINDACO E PRESIDENTE PROVINCIA

 

 

Modena, 15 giugno 2009

 

 

 

 

 

 

Per i sindacati modenesi del settore agroalimentare FAI/CISL, FLAI/CGIL UILA/UIL, la perdita del marchio e della produzione di pasta fresca FINI dal territorio di Modena sarebbe una sciagura per tutto il tessuto produttivo modenese e per oltre 90 lavoratori. I famosi tortellini hanno sempre fatto da traino alla tradizione gastronomica modenese, se venisse ceduta questa produzione la comunità modenese perderebbe un importante biglietto da visita da utilizzare nei mercati internazionali.

La proprietà deve assumersi tutta la sua responsabilità per mantenere in vita quel sito produttivo e per scongiurare la perdita del marchio e delle produzioni. Mentre le banche e le imprese modenesi, prima fra tutte quelle dell’agroalimentare, non possono rimanere indifferenti.

I Sindacati chiedono alla politica e alle istituzioni modenesi il loro contributo, anche per evitare speculazioni edilizie, e a sostegno di questo, hanno presentato formale richiesta d’incontro al Sindaco e al Presidente della Provincia di Modena.

Tutti insieme dobbiamo evitare che anche la produzione di pasta fresca subisca la fine che hanno fatto i salumi: cioè vendita del marchio e la successiva produzione a centinaia di chilometri da Modena. Salumi come il famoso cotechino, che vengono definiti “di Modena”, ma che di Modena non hanno nulla se non la loro storia. Tra questi famosi prodotti, stessa sorte, è toccata al famoso aceto balsamico FINI.

Dobbiamo evitare eventuali idee di speculazione finanziaria ed economica esercitata, per primo, dal famoso imprenditore modenese FINI che, vendendo lo storico stabilimento a Kraft, ha investito gran parte delle risorse ottenute in edilizia. Kraft ha poi venduto successivamente a Malgara, il quale ha spezzettato l’azienda vendendo i marchi dei salumi a Negroni (Gruppo Tre Valli) e la produzione di pasta fresca a Fondi di investimento (Louis Vuitton prima e ora Palladin).

Inoltre, su quell’area in cui risiede l’attuale stabilimento produttivo, una non meglio precisata immobiliare di cui non si riesce a saperne il nome, “succhia” ogni anno quasi due milioni di euro attraverso un contratto di leasing immobiliare.

In gioco non ci sono solo i posti di lavoro dei 90 dipendenti in cassa integrazione straordinaria, ma anche una parte del futuro dell’agroalimentare di Modena. I lavoratori, ma anche Modena, non possono più permettere operazioni di speculazione finanziaria. Tutti siamo chiamati ad assumerci le nostre responsabilità, ma in primo luogo lo devono fare quelli che parlano tanto del “sistema Modena”, cioè gli imprenditori.

image_printStampa
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top