CGIL Modena

GUARINI, ORA DI RELIGIONE: SMENTITA DELLA FLC/CGIL

Modena, 28 maggio 2008

 

Il sindacato scuola FLC CGIL di Modena smentisce le notizie riportate da tutti gli organi di informazione modenesi e in particolare dal Resto del Carlino nell’articolo di ieri martedì 27 maggio.

In quell’articolo si afferma che il Collegio dei Docenti dell’Istituto Guarini avrebbe deciso di non applicare le disposizioni ministeriali che prevedono la partecipazione a pieno titolo dell’insegnante di religione all’attribuzione del credito scolastico. Si afferma inoltre che tale delibera sarebbe condivisa dal nostro sindacato.

 Nello smentire queste affermazioni si precisa che:

 La FLC CGIL non ha sollecitato il Collegio dei docenti del Guarini ad assumere alcun tipo di delibera in merito, perché la definizione dei criteri di valutazione degli allievi è competenza esclusiva del Collegio dei docenti e non è materia di contrattazione né di informazione sindacale. Si considerano perciò destituite di ogni fondamento le affermazioni riportate.

L’Ordinanza ministeriale a cui si fa riferimento nelle notizie di stampa è la n.30 del 2008. Questa prevede che anche gli insegnanti di religione, materia alternativa e studio assistito, partecipino alle deliberazioni del Consiglio di Classe relative all’attribuzione del credito scolastico. L’attribuzione del punteggio, in coerenza con i criteri previsti dal DPR 323 del 1998, deve tener conto del giudizio formulato da questi insegnanti.

L’ordinanza si limita dunque ad affermare che si deve tener conto del giudizio dell’insegnante di religione senza precisare come ciò debba essere fatto; lasciando in tal modo la definizione delle modalità al Collegio dei Docenti e ai Consigli di classe. Il signor Vallini o chi tramite lui dovrebbe studiarsi meglio gli atti ministeriali.

La FLC CGIL non è a conoscenza della delibera assunta dal Collegio dei Docenti del Guarini e pertanto, diversamente da quanto riferito dai media, non è in grado di condividerne né criticarne il contenuto; ritiene tuttavia, che un Collegio Docenti disponga di tutta la professionalità necessaria a deliberare criteri di valutazione degli allievi nel rispetto della normativa vigente.

La FLC CGIL è invece sicuramente impegnata nella salvaguardia della laicità della Scuola, dello Stato, nella difesa della libertà dell’insegnamento e nel tutelare la libertà di chiunque di professare o meno qualsiasi fede religiosa e che tale libertà non sia causa di discriminazione anche nelle scuole modenesi e italiane.

Alla FLC CGIL di Modena non risulta che i signori che oggi gridano scandalizzati sulla stampa per uno pseudo-problema si siano mai preoccupati delle condizioni in cui operano tutti i docenti modenesi che con il loro lavoro garantiscono una scuola di qualità, nonostante i continui tagli agli organici e alle risorse economiche.

La FLC CGIL di Modena invece è prioritariamente impegnata a difendere i principi costituzionali di laicità dello Stato e libertà di insegnamento, la qualità della scuola pubblica, la professionalità e autonomia dei docenti.

Ringrazia i docenti e tutto il personale delle istituzioni scolastiche, non solo quelli del Guarini, per il lavoro svolto con impegno e professionalità.

 

Stefano Colombini, segreteria FLC CGIL Modena

image_printStampa
Taggato con:
RELATED ARTICLES
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top