CGIL Modena

INFORTUNIO MORTALE SUL LAVORO PRESSO LA SUINGRAS DI NOVI DI MODENA UNA MORTE IN SOLITUDINE: INDIVIDUARE AL PIU’ PRESTO LE RESPONSABILITA’

La Flai/Cgil esprime il più profondo cordoglio alla famiglia di Singh Sandeep, l’operaio agricolo indiano di 39 anni che giovedì scorso è stato vittima di un infortunio mortale presso l’allevamento Suingras di Novi di Modena.

Rimaniamo in attesa di conoscere l’esatta dinamica dell’incidente ma, dalle prime ricostruzioni, si tratta di un morte in solitudine, nello svolgimento di mansioni altamente pericolose: il lavoratore, forse nel tentativo di disostruire un pozzetto intoppato, è scivolato oppure è stato colto da un malore che l’ha portato all’annegamento fra i liquami. Solo dopo molte ore ci si è accorti dell’assenza e si è potuto trovare il corpo.

“Una condizione lavorativa in solitudine simile a moltissimi operai, spesso stranieri, che lavorano negli allevamenti – dichiara Marco Bottura della FLAI-CGIL di Modena – dove le situazioni di rischio mortale possono essere frequenti. Auspichiamo che al più presto siano individuate le cause e le responsabilità di quanto accaduto”.

Modena, 17 ottobre 2015

Flai CGIL
Modena

image_printStampa
Taggato con: ,
RELATED ARTICLES
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top