CGIL Modena

KURDISTAN: MIGLIAIA DI RIFUGIATI E PERSEGUITATI POLITICI. FARE TUTTO IL POSSIBILE PER SOSTENERLI NEI LORO PAESI. LE “ADOZIONI A DISTANZA” DELLA CGIL DI MODENA

campo profughi Mahmura

Anche l’Agenzia Onu-Unhcr, che si occupa del fenomeno mondiale dei rifugiati, vittime dei crescenti conflitti e persecuzioni politico-etnico-religiosi, documenta la dimensione sconcertante del dramma del popolo nel Kurdistan. Guerre e terrore, sopratutto dittature – spesso “amiche” dell’Occidente – che sconvolgono intere popolazioni.

Fra i tanti drammi internazionali, c’è l’assedio di un popolo nel Kurdistan smembrato da quattro stati (Siria,Turchia, Iraq, Iran) autoritari o instabili, o al centro di guerre e terrore Jihad e poi Isis. Ora c’è la tragica aggravante del virus che colpisce un popolo senza vaccini.

Visitando quelle comunità si vive in diretta il dramma di un popolo che storicamente ha radicato una cultura più laica, aperta alle sue diverse etnie.

In questi ultimi anni, anche la Cgil modenese ha stretto il suo impegno diretto, nel sostegno concreto a progetti di cooperazione internazionale rivolti alle diverse comunità kurde:
– collaborando alla costruzione di un piccolo poliambulatorio nel campo profughi kurdo di Mahmura nel Nord Iraq, con anche il riutilizzo dell’attrezzatura sanitaria recuperata dalle ristrutturazioni post-sisma degli ospedali di Carpi e Mirandola; e recentemente abbiamo concorso per l’acquisto di una necessaria ambulanza (in foto).
– partecipando con orgoglio anche quest’anno – grazie all’adesione delle Categorie dei lavoratori e delle Leghe dei pensionati della Cgil di Modena – alla virtuosa iniziativa delle “adozioni a distanza” di famiglie di prigionieri o caduti kurdi, colpite dal regime turco di Erdogan, col primario obiettivo di mantenere a scuola le bambine ed i bimbi rimasti orfani.

La scorsa settimana abbiamo così rifatto il versamento necessario per mantenere  vivo il fraterno legame con la quindicina di famiglie “adottate” dal nostro sindacato: Sevgi, moglie di un condannato politico, con cinque figli. Ayse, col marito in carcere per 36 anni. Celik, col marito caduto nella repressione militare del villaggio. Lutfie, col marito ucciso in carcere. Kurt, mamma di un universitario condannato a dieci anni. Hamdiye, vedova con sei figli, scacciata dall’esercito turco dal suo villaggio di Bismil. Stesso dramma per le famiglie di Rehime e Ylmaz. Mansure, col marito costretto alla montagna ed il papà ucciso dai gendarmi. Sirin, col marito condannato all’ergastolo. Nazime, col figlio in carcere e figlia guerrigliera dopo l’uccisione della sorella in carcere. Enise, col marito condannato a vita. Adelet, violentata e torturata in prigione. Lerzan, giornalista imprigionata lo scorso novembre, che aveva accompagnato
le nostre delegazioni per seguire in diretta gli scandalosi processi politici
dello stato turco alle decine di sindaci kurdi.

Nomi e situazioni a noi vicini ed ai tanti modenesi che sostengono questi nostri progetti. Famiglie, che dai loro figli che proseguono nel frequentare la scuola, imparano dove si trova Modena.
Nomi che facciamo conoscere grazie ad una giusta informazione solidale, con l’augurio di poter allargare la già ampia e concreta adesione ai nostri progetti di cooperazione e solidarietà coi popoli costretti alla più dura
resistenza, alla fame, alla fuga.

Franco Zavatti, Cgil Modena / dell’Associazione “Verso il Kurdistan Onlus”

 

In FOTO campo profughi di Mahmura e l’ambulanza

  • campo profughi Mahmura
  • ambulanza campo profughi Mahmura

Modena, 1/2/2021

 

image_printStampa
RELATED ARTICLES
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top