CGIL Modena

LA CGIL EMILIA ROMAGNA SI OPPONE A CHI VUOLE RIPORTARE INDIETRO LE LANCETTE DELLA STORIA DEI DIRITTI UMANI E CIVILI: IN PARTENZA PER VERONA PIÙ DI 20 PULLMAN

manifestazione_contro_relatori_congresso_mondiale_famiglie

Verona, da oggi, è sede del “Congresso mondiale delle famiglie” promosso da un insieme di forze oscurantiste che, da tempo e in molti Paesi, attaccano i diritti civili faticosamente conquistati nel secolo scorso.
Con la nostra partecipazione alle tante contromanifestazioni che si susseguiranno a Verona nella giornata di sabato 30 marzo vogliamo salvaguardare e difendere i diritti civili e umani delle donne e degli uomini, la loro possibilità di autodeterminazione nelle scelte sessuali, affettive e familiari.
Vogliamo puntare il dito contro l’omofobia, respingere gli attacchi alla Legge 194, contestare il disegno di legge Pillon che penalizza in primo luogo i bambini e le donne: un impegno di tutti, non solo delle donne!
Saremo in tanti domani, donne e uomini dai diversi territori della Cgil dell’Emilia Romagna, a dar vita, assieme a Cisl e Uil e alle tante associazioni promotrici e aderenti alla giornata di protesta, ad una mobilitazione che non si fermerà a Verona ma continuerà nella nostra pratica quotidiana per affermare i valori della differenza, dell’autodeterminazione e delle libertà personali.

Fiorella Prodi
Segreteria Cgil Emilia Romagna
Responsabile Politiche di genere e libertà femminili,
pari opportunità, nuove identità

Bologna, 29 marzo 2019

 

manifestazione_contro_relatori_congresso_mondiale_famiglie

image_printStampa
RELATED ARTICLES

Back to Top