CGIL Modena

LA STORICA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE HA SANCITO IL DIRITTO DEL SINDACATO PER I LAVORATORI MILITARI. E IERI E’ NATO IL SILCA PER I CARABINIERI.

gruppo fondatore Silca 16.1.20

Nonostante la colpevole freddezza ed “astensione” decennale dei vari governi, pressati dagli Stati Maggiori militari, la storica sentenza della Corte Costituzionale di un anno e mezzo fa, ha aperto le porte al sacrosanto diritto – già esteso in tanti paesi europei – degli operatori/lavoratori militari ad avere la tutela organizzata del Sindacato.
Quindi, tutti gli operatori dei vari Corpi con le stellette – dai diversi settori delle forze armate alle due polizie ancora militarizzate – potranno organizzarsi sindacalmente, come fu possibile trent’anni fa agli agenti della Polizia di Stato.
Una sentenza costituzionale osteggiata dal precedente governo e che tuttora aspetta dal Parlamento una chiara e coerente legge applicativa.
Certamente, si tratta di settori dello Stato particolari, preziosi ed esposti, ma tenuti in moto da tante migliaia di operatori che sono cittadini e lavoratori.
Nel frattempo però, non sono/siamo stati fermi ! In ognuno dei Corpi militari dopo la sentenza, si sono mobilitati ed organizzati i primi gruppi di “attivisti”, per promuovere e diffondere fra le migliaia di colleghi, l’idea e la preziosa necessità di avere finalmente un proprio sindacato che ridefinisca e rafforzi diritti, tutele e spazi per la libera e normale contrattazione.
Così, anche nei nostri territori e province emiliano-romagnole.
Naturalmente, con la massima e discrezionale disponibilità del sindacalismo confederale, con la Cgil in primis, a collaborare e sostenere le idee e l’organizzazione di questi preziosi decolli sindacali fra i militari.
Così ieri a Roma, ospiti presso la sede nazionale della Cgil, è nato il SILCA – Sindacato Italiano Lavoratori Carabinieri, grazie al prezioso lavoro di alcuni presenti “soci fondatori”, e con la formale nomina del loro primo gruppo dirigente e di Corrado, che farà il segretario nazionale (in foto il gruppo fondatore del Silca).
Anche l’Emilia Romagna era rappresentata, così come erano presenti – e questa è una novità molto significativa – colleghi militari, dirigenti dei sindacati nati solamente pochi mesi o settimane precedenti, proprio per sottolineare la necessaria e stretta collaborazione per un lavoro convergente ed unitario, che rafforzi gli urgenti risultati necessari e che devono arrivare dai diversi Comandi, dai diversi Ministeri e dal Parlamento.
Un sindacato per i Carabinieri che è nato, grazie sopratutto all’impegno ed alle esperienze “già sindacali”, anche in queste nostre province, dei neo immessi nell’Arma dei CC, dall’ex Corpo Forestale. Forestali che svolgevano un prezioso lavoro per il paese con la loro struttura civile e perciò sindacalizzata e, chissà perchè, militarizzati nei Carabinieri.
Un 2020 che inizia così con l’avvio di un altro sindacato e che vedrà, prossimamente, la nascita anche nell’arma della Marina.
Un 2020 che parte con una forte novità anche per l’organizzazione della Cgil, anche nelle strutture regionale e provinciali, avendo come Patronato INCA – che informa, assiste e tutela i lavoratori delle varie categorie e settori in merito alle questioni previdenziali, sanitarie e sociali – sancito da Convenzioni specifiche di collaborazione coi nuovi sindacati dei militari, in aggiunta a quella da anni vitale col SILP, il sindacato di Polizia. Convenzioni di Inca-Cgil con SILF dei lavoratori finanzieri; con SIAM dell’Areonautica; con SILME dei militari dell’Esercito; ed ora col SILCA dei Carabinieri.
Viviamo pertanto l’avvio di un pezzo di storia sindacale e sociale, che vedrà nascere nuove categorie organizzate, aggiungendo così settori portanti del lavoro pubblico.
Una novità di acquisizione non scontata anche per il nostro largo mondo del lavoro, pubblico e privato “tradizionale” che, anche grazie al sindacalismo confederale, dovrà guardare, con impegno e vicinanza, il lavoro dei militari come parte vitale del lavoro sociale e di sicurezza collettiva. Superando così diffidenze e separatezze storiche.
La sindacalizzazione degli operatori con le stellette e la loro sintonia con obiettivi e strategie confederali, rafforzerà la democrazia ed aiuterà tutti: noi e loro !

 

Franco Zavatti, Cgil Modena-Coordinamento Legalità e Sicurezza Cgil ER

 

Roma-Modena, 17/1/2020

 

gruppo fondatore Silca 16.1.20

image_printStampa
RELATED ARTICLES
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top