LEGGE STABILITÀ 2016, ARRIVA LA SETTIMA SALVAGUARDIA. LE DOMANDE TASSATIVAMENTE ENTRO IL 1° MARZO

Modena, 15 febbraio 2016

La legge di stabilità 2016 ha previsto una settima salvaguardia che consentirà a 26.300 lavoratori cosiddetti esodati, suddivisi in varie categorie, di accedere alla pensione con i requisiti previsti dalla normativa ante Fornero.

Per usufruire di queste salvaguardie è necessario presentare la domanda entro e non oltre il 1° marzo 2016.

La norma contiene alcune importanti novità, quali l’estensione della salvaguardia  anche ai fruitori di disoccupazione speciale edile e ai lavoratori provenienti da aziende cessate/fallite o interessate da procedure concorsuali.

In estrema sintesi e per titoli la salvaguardia comprende:
– 6.300 lavoratori collocati in mobilità ordinaria con accordi governativi e non stipulati entro il 31/12/2011 o in TSE (trattamento speciale edile) con cessazione rapporto di lavoro al 31/12/2014 (se maturano i requisiti entro il periodo di godimento della mobilità) ovvero al 31/12/2012 se devono versare dopo la mobilità  i versamenti volontari;
– 9.000 lavoratori autorizzati ai versamenti volontari in data antecedente il 4/12/2011.
– 6.000 lavoratori cessati per accordi individuali o collettivi entro il 31/12/2012 o con risoluzione unilaterale ( licenziamento o dimissioni ) entro il 31/12/2011.
– 2.000 lavoratori in congedo straordinario nel 2011 per assistere figli con disabilità grave;
– 3.000 lavoratori con contratto a tempo determinato concluso entro il 31/12/2011( esclusi lavoratori agricoli  e stagionali ).
Queste ultime 4 categorie devono maturare il diritto a pensione  ante Fornero entro il 6/1/2017 (nella precedente salvaguardia la decorrenza era entro il 6/1/2016 ).

Data la complessità della norma, che prevede il verificarsi di vari requisiti contemporaneamente, e il termine tassativo di presentazione delle istanze entro e non oltre il prossimo 1° marzo, pena la decadenza, è fondamentale che gli interessati si rivolgano al più presto alle sedi del Patronato INCA Cgil.

Gli esodati che non rientrassero nei criteri della settima salvaguardia sono invitati a contattare la Rete dei Comitati Esodati per sostenere la mobilitazione al fine di ottenere ulteriori salvaguardie. Tutti i riferimenti sulla pagina della Cgil di Modena http://www.cgilmodena.it/coordinamento-esodati-cgil-modena.