CGIL Modena

MODENA/IN CRESCITA LA POPOLAZIONE PROVINCIALE PER LA COMPONENTE STRANIERA

PIU’ 1,6% NEL 2008. E NEL 2009 QUASI 270 MILA IN PIU’
   “I modenesi hanno superato quota 690 mila e a fine anno sarà vicino il traguardo dei 700 mila, “dopo che nel corso del 2008 l’aumento è stato di 10.614 persone, pari all’1,6 per cento). Lo comunica il Servizio Statistico della Provincia di Modena. La principale componente della crescita demografica è rappresentata dalla popolazione straniera, che nel 2008 è cresciuta di quasi 9 mila unità (13,3 per cento), arrivando a essere l’11,1 per cento della popolazione complessiva (oltre 76.000 presenze). “L’incremento eguaglia i valori massimi rilevati in occasione dei provvedimenti di regolarizzazione della presenza straniera, con un andamento che per ora non ha risentito della crisi economica”.
   L’assessore allo Sviluppo Pagano parla di una conferma della tendenza all’incremento della popolazione pur in presenza di un rallentamento dovuto forse agli effetti della crisi. Tale tendenza entro la fine dell’anno porterebbe la popolazione complessiva a quasi 697 mila unità con circa 84 mila stranieri che corrisponderebbero al 12 per cento dei residenti. Per l’assessore Pagani è una conferma della capacità di attrazione del territorio modenese “e questo comporta una riflessione da sviluppare nell’ambito delle scelte definite con il Piano territoriale di coordinamento provinciale (Ptcp) con l’obiettivo di aggiornare e innovare le risposte di fronte a nuovi bisogni dettati anche dalla situazione economica”. I dati, intanto, confermano l’attendibilità dello scenario indicato dal Ptcp per il 2015: 730 mila abitanti con oltre 324 mila famiglie e circa 116 mila stranieri che rappresenteranno il 16 per cento della popolazione.
   SEMPRE PIU’ EUROPEA LA PRESENZA STRANIERA

   Maggiore natalità, ricongiungimenti familiari e domanda di lavoratori espressa dall’economia modenese. Sono questi i fattori che nel 2008 hanno determinato l’aumento della popolazione straniera. La crisi ha solo rallentato il flusso migratorio che ha come sbocco l’assistenza alle famiglie. E, infatti, cresce la rappresentatività dei paesi dai quali arrivano maggiormente le cosiddette badanti e le colf: Ucraina, Moldavia, Polonia e Filippine.

   Nel 2008 i cittadini europei, 29.714, hanno quasi raggiunto quelli africani, 30.764: sul complesso degli stranieri residenti sono circa il 40 per cento.

   I marocchini sono la comunità più numerosa: oltre 16.mila: più 1.274 rispetto al 2007 in termini assoluti e più 8,5 in termini percentuali. Seguono rumeni (7.500; più 1.438 unità; più 23,7 per cento) e albanesi (7.308 residenti; più 865 unità; più 13,4 per cento).

   Al quarto posti i tunisini (5.513) e nei successivi i ghanesi (4.791), i cinesi (4.043), i moldavi (3.050), gli ucraini (3.009), i pakistani (2.763) e i filippini ((2.518).

   I cittadini stranieri sono più presenti nei centri maggiori, ad eccezione dei pakistani (area carpigiana) e dei cinesi (bassa modenese).
   NEL 2008 UN NUOVO NATO OGNI QUATTRO E’ STRANIERO

   Il tasso di natalità della popolazione modenese, 10.5 nati per mille residenti,  è in leggero ma costante aumento nell’ultimo decennio (8,6 nel 1996) grazie all’apporto degli immigrati: 24,1 nati per mille stranieri residenti contro 9 nati ogni mille abitanti tra gli italiani (7,8 nel 1996).

   Nel 2008 sono stati 1.728 i nuovi nati stranieri, il 24 per cento del complesso dei nati. Nel capoluogo è pari al 25,9 per cento, 438 bambini; a Sassuolo al 27,9 per cento (113 bambini) e a Carpi al 22,3 (158 nuovi nati).
   In alcuni comuni i nuovi nati stranieri sono vicini al 50 per cento: Camposanto (15 nascite, 46,9 per cento), Zocca (18; 40,9) e Novi (39 per cento, quattro su dieci).

   I cittadini stranieri residenti in provincia e nati in Italia sono più di 12.300 (più 1.654 e più 15,5 per cento rispetto all’anno prima).
   Sono quasi tutti minorenni e tra gli stranieri rappresentano il 16,1 per cento.
   GLI INCREMENTI PIU’ ALTI IN PERCENTUALE A BASTIGLIA E CASTELFRANCO E IN TERMINI ASSOLUTI A CARPI

    La città di Modena cresce meno della media provinciale (più 1 per cento, 1.870 persone). L’incremento le fa raggiungere poco meno di 182 mila abitanti. Cresce in particolare la cintura sud del capoluogo (più 2,8 per cento). Quella nord è a più 1,9 per cento.

   Gli incrementi più alti in percentuale sono a Bastiglia (3,8 per cento e 147 unità) e a Castelfranco (1.051 nuovi cittadini e più 3,6 per cento).

   In valori assoluti il primato è di Carpi con 1.366 nuovi cittadini (più 2,1 per cento).

 

PER SAPERNE DI PIU’:

http://www.provincia.modena.it/page.asp?IDCategoria=6&IDSezione=1613&ID=76062

http://www.modenastatistiche.it/

image_printStampa
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top