CGIL Modena

OIM. CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE PER SOVVERTIRE I LUOGHI COMUNI SULL'IMMIGRAZIONE

   L’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) ha lanciato una campagna di sensibilizzazione sulla migrazione realizzata in collaborazione con l’agenzia pubblicitaria Publicis.
La campagna ha già coinvolto alcuni quotidiani e nelle prossime settimane coinvolgerà altri mezzi di stampa locali e nazionali.
   ‘L’iniziativa’, afferma Peter Schatzer, capo missione dell’OIM in Italia, ‘intende contribuire a dare un’immagine del migrante diversa da quella che solitamente viene proposta da molti operatori dell’informazione. Occorre infatti cominciare a ribaltare quell’errato e superficiale luogo comune, spesso promosso anche dai media, che identifica troppo facilmente immigrazione con criminalità. La campagna dell’OIM fotografa invece una raltà spesso dimenticata dal punto di vista mediatico: quella del fondamentale ruolo svolto dai migranti nel panorama economico e sociale italiano’.
   ‘Per dare ancora più forza a questo messaggio’, continua Schatzer, ‘siamo stati aiutati da persone come la dott.ssa Kyenge Kashetu, medico di origine congolese che effettivamente esercita la propria professione in Italia e che rappresenta quella maggioranza silenziosa di immigrati che contribuisce in modo rilevante al buon funzionamnto del paese, della sua economia e dei suoi servizi’.
   ‘Occorre inoltre sottolineare’, conclude il capo missione OIM, ‘come la realizzazione di questo progetto sia stato possibile grazie alla partecipazione volontaria ed entusiasta di più persone -dai fotografi alle comparse -e soprattutto grazie al sostegno dell’agenzia pubblicitaria Publicis, che ha accettato di lavorare pro bono su questo tema, dimostrando una grande sensibilità sociale e un vivo interesse per le questioni umanitarie”.

Per saperne  di più:

http://www.italy.iom.int/

campagna-oim9

image_printStampa
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top