PART TIME VERTICALE CICLICO: FINALMENTE UN RISULTATO IMPORTANTE CONSEGUITO DOPO ANNI DI INIZIATIVE SINDACALI E CAUSE LEGALI

La Legge di Bilancio 2021 (L.178/2020) riconosce ai dipendenti in part-time verticale ciclico tutti i periodi ai fini dell’anzianità contributiva, anche quelli di sosta lavorativa.

  • Cos’è il part time verticale ciclico?
    Il part time ciclico (o multi-periodale) è un contratto di lavoro a tempo parziale che prevede che, in costanza di rapporto di lavoro presso la stessa azienda, il dipendente lavora solo in alcuni periodi dell’anno e resta a casa per i periodi restanti.
  • Cosa succedeva prima?
    I periodi di sosta erano privi di contribuzione con il rischio di vedersi allontanare anno dopo anno il traguardo della pensione.
  • E adesso?
    Anche grazie alle sentenze vinte da lavoratrici e lavoratori da noi patrocinati, la Legge di Bilancio 2021 riconosce la copertura contributiva dei periodi di sosta ai dipendenti del settore privato in part-time verticale ciclico: le settimane non lavorate sono da includere nel conteggio dell’anzianità necessaria per accedere alla pensione purché sia rispettato il minimale contributivo previsto dalla legge.
  • Cosa fare se hai periodi part time verticale ciclico?
    >> Siamo in attesa delle indicazioni operative da parte dell’INPS <<
    Nel frattempo se hai o hai avuto in passato un contratto part time verticale ciclico attivati per controllare la tua posizione assicurativa.

E’ importante. Potresti maturare il diritto alla pensione in anticipo.

Scrivici all’indirizzo e-mail informa.modena@er.cgil.it con oggetto “part time verticale ciclico”.

Lascia i tuoi riferimenti: ti contatteremo per gestire la domanda e recuperare i periodi pregressi

 

 

Part time verticale ciclico: finalmente un risultato importante conseguito dopo anni di iniziative sindacali e cause legali