CGIL Modena

PROTESTA CONTRO APERTURA NEGOZI A MARANELLO IL 2 GIUGNO 2010

Modena, 1° giugno 2010

Lettera dei delegati di Coop Estense Modena, dei lavoratori della coop di Maranello e dei sindacati del commercio Filcams/Cgil e Uiltucs/Uil indirizzata agli Amministratori del Comune di Mranello per protestare contro la delibera che autorizza l’apertura in deroga dei negozi nelle giornate di domani mercoledì 2 giugno festa della Repubblica, e nei giorni 15 agosto e 1° novembre.

Con la presente, i lavoratori della Coop di Maranello, i Delegati Sindacali di Coop Estense Modena, la Filcams/Cgil Modena, la Uiltucs/Uil Modena vogliono rendere note le loro posizioni ed esprimere il loro rammarico in merito alla delibera del Sindaco e della Giunta del Comune di Maranello che nelle giornate  2 giugno, 15 agosto e 1° novembre concede la deroga per l’apertura degli esercizi commerciali in Maranello.

Esprimiamo il nostro totale dissenso e un fermo parere negativo nei confronti di una decisione che colpisce ancora una volta il mondo del lavoro a favore di un consumismo esasperato e che pone in secondo piano anche momenti di riflessione collegati a giornate di profondo significato civile e religioso.

Tale scelta diventa intollerabile se consideriamo che nel comune di Maranello i lavoratori di Coop Estense lavorano tutte le domeniche dell’anno per un discutibile riconoscimento di Maranello come città turistica. E allora ci chiediamo: non erano sufficienti le aperture di tutte le domeniche? A quanto pare no! Perché ai lavoratori della Coop ancora una volta viene chiesta la rinuncia a festeggiare una giornata di memoria storica quale la festa della Repubblica oltre che la rinuncia alla loro qualità della vita.

Esiste la festa della Repubblica e riteniamo vada rispettata nel suo valore.

Chiediamo al Comune di rinunciare alla perversa logica consumistica delle concessioni che porta ad aumentare  profitti e vendite trasferendo sulle spalle delle lavoratrici e dei lavoratori il deterioramento del loro stile di vita.

Poiché la Coop di Maranello non è un Pronto Soccorso e non eroga servizi essenziali, è evidente che  la deroga della Giunta fuoriesce completamente dal programma elettorale sulla qualità del lavoro, e della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, e gli acquisti possono essere fatti negli altri giorni della settimana comprese “tutte” le domeniche.

Non crediamo sia così scontato sottolineare che la festa del 2 giugno è una festa nata per onorare la nascita della Repubblica e che alcuni lavoratori del supermercato Coop non vi potranno partecipare.

Ci auguriamo non sia necessario mettere in campo ulteriori iniziative affinché possiate cambiare idea.

Per le ragioni sopraelencate chiediamo al Comune di ripensare alla delibera e a questo proposito siamo disponibili ad un momento di confronto nonché all’attivazione di un tavolo di discussione dove meglio dettagliare le istanze dei lavoratori.

Auspichiamo che tale richiesta sia accettata, ma in un contesto come questo non và sottaciuta la responsabilità di Coop Estense che, conoscendo il “sacrificio” dei lavoratori che operano tutto l’anno nel supermercato di Maranello, avrebbe potuto non prendere in considerazione la possibilità dell’apertura.

Proprio la Coop che dovrebbe contraddistinguersi per il valore del lavoro e delle condizioni di lavoro rispetto ai suoi competitori.

Ed è per questo  che concludiamo il nostro appello citando una frase di Ivano Barberini, famoso dirigente del mondo cooperativo recentemente scomparso: “sul mercato non ci si sta solo con i prezzi ma anche con i valori”.

 

Buona festa della Repubblica a tutti.

Filcams/Cgil Modena

Uiltucs/Uil Modena

Delegati sindacali Coop Estense Modena

Lavoratori Coop Maranello

image_printStampa
RELATED ARTICLES
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top