CGIL Modena

SANITÀ PRIVATA. GRUPPO KOS EMILIA-ROMAGNA, L’ASSEMBLEA DEI LAVORATORI È PRONTA ALLA MOBILITAZIONE. NECESSARIO L’INTERVENTO DELLA REGIONE

Villa Pineta

Nei giorni scorsi si è riunita l’assemblea dei lavoratori del gruppo KOS Emilia Romagna, uno dei principali gruppi della sanità privata in Italia. L’assemblea si è dichiarata all’unanimità pronta alla mobilitazione dopo la decisione di esternalizzare e dunque trasferire presso un’altra società dello stesso gruppo i lavoratori delle aree del pulimento e delle cucine.
All’assemblea hanno partecipato i lavoratori delle strutture interessate: Villa Pineta di Pavullo, Cardinal Ferrari di Fontanellato (PR) e Villa Azzurra di Riolo Terme (RA), che sono tra l’altro le principali strutture di sanità privata del gruppo KOS in Emilia-Romagna. I lavoratori delle pulizie e delle cucine di queste strutture, secondo quanto deciso da KOS, saranno trasferiti presso un’altra società del gruppo con conseguente modifica del contratto nazionale di lavoro, peggiorativo e non firmato dalla CGIL. A questi lavoratori attualmente viene applicato il contratto nazionale Aiop della sanità privata, il più importante contratto di settore. Con il trasferimento passerebbero al contratto Aris dove subirebbero un aumento delle ore di lavoro da 36 a 38 e stipendi inferiori soprattutto per gli eventuali nuovi assunti che, a parità di mansioni, percepirebbero anche 400 euro in meno.
Il piano proposto da KOS è inaccettabile: con il trasferimento, ai lavoratori interessati si prospetta anche la diminuzione delle ore di lavoro e il taglio di alcuni posti. Fortissima poi la preoccupazione, da parte di tutti, che misure di questo tipo possano in seguito interessare anche le aree amministrative delle strutture, al momento fuori dal progetto di riorganizzazione.
A Modena infatti la protesta interessa in primo luogo i lavoratori di Villa Pineta a Pavullo che sarebbero coinvolti nei tagli previsiti dalla riorganizzazione delle aree delle pulizie e delle cucine, insieme a quelli delle strutture di Riolo Terme (Ravenna) e Fontanellato (Parma).
Per quanto riguarda l’altra struttura modenese del Gruppo Kos – Villa Rosa – è forte la preoccupazione che i tagli, al momento non previsti, possano essere estesi anche ai lavoratori di questa struttura, non solo nelle aree delle pulizie e delle cucine, ma anche nell’area amministrativa.
Si tratta di misure ingiustificate che sottointendono idee di organizzazione del lavoro, che per noi sono inaccettabili, come la volontà aziendale di aumentare i margini di guadagno intervenendo sulla qualità del lavoro e sui diritti dei lavoratori. Nonché l’idea, altrettanto negativa, che vi sia una sorta di classifica del prestigio delle mansioni al cui fondo, secondo KOS, ci sono le mansioni delle pulizie e delle cucine che quindi possono essere retrocesse con contratti più modesti.
Si prospetta anche un problema di natura politica. La Regione Emilia Romagna ha infatti previsto di incrementare i finanziamenti per quelle strutture che avessero scelto di adottare il contratto nazionale Aiop, per così sostenere le aziende che sceglievano di tutelare anche la qualità dei contratti. Il gruppo KOS, invece, si prepara a continuare ad intascare maggiori rimborsi ma cambiando il contratto, scegliendo uno che costa meno. Si tratterebbe di un precedente molto pericoloso e per questa ragione abbiamo già chiesto un incontro alla Regione.

 

Bologna-Modena, 7 febbraio 2022

 

image_printStampa
RELATED ARTICLES
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top