CGIL Modena

STATO DI AGITAZIONE DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI SAVIGNANO

Modena, 12 maggio 2008

STATO DI AGITAZIONE DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI SAVIGNANO
Le organizzazioni sindacali Cisl Funzione pubblica e Fp-Cgil di Modena hanno preannunciato lo stato di agitazione dei dipendenti del Comune di Savignano sul Panaro. Motivo: l’interruzione della trattativa per il rinnovo del contratto di lavoro aziendale riguardante gli anni 2005-2006-2007. «Dopo diversi incontri nei quali abbiamo cercato di arrivare a un accordo – spiegano i sindacalisti Roberto Melotti (Cisl Fp) e Anna Paragliola (Fp-Cgil) – abbiamo preso atto dell’indisponibilità dell’ente ad accogliere le mediazioni presentate. Anzi la controparte sottovaluta il senso e la sostanza della proposta sindacale. Per questo l’assemblea dei dipendenti ha decretato, a grande maggioranza, l’apertura dello stato di agitazione». I rappresentanti di Cisl e Cgil funzione pubblica ritengono che le proposte dell’Amministrazione comunale di Savignano non tengano conto della necessità di garantire lo stesso salario accessorio percepito dai dipendenti nel 2002 a fronte dell’accresciuto costo della vita. Inoltre valutano che la proposta formulata dall’Amministrazione di attribuire compensi volti a premiare le particolari responsabilità di dipendenti non sia coerente con i compiti effettivamente svolti dai singoli e possa creare un clima di divisione tra i lavoratori. «Si rischia di demotivare i più meritevoli, con pesanti ricadute non solo sullo svolgimento del lavoro, ma anche sul servizio erogato al cittadino. È la stessa incoerenza – proseguono Melotti e Paragliola – che l’amministrazione comunale ha dimostrato in questi ultimi anni in processi di riorganizzazione degli uffici, processi spesso poco comprensibili e non finalizzati a una migliore efficienza. Si tratta di riorganizzazioni, anche recenti, avvenute peraltro senza informare preventivamente e confrontarsi con le organizzazioni sindacali». I rappresentanti di Cisl Fp e Fp-Cgil attendono di essere convocati dal Prefetto per tentare una mediazione. Intanto chiedono al sindaco e alla giunta di provare a risolvere questa situazione di scontro e arrivare a un accordo soddisfacente tra le parti.

image_printStampa
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top