CGIL Modena

SUINCOM CASTELVETRO, LAVORATORE MULTATO DALL’INAIL E POI DECORATO

Castelvetro (Modena), 30 gennaio 2012

Nell’articolo dell’11 ottobre 2011, “In ricordo delle vittime sul lavoro”, pagina 22, cronaca di Nonantola, la Gazzetta di Modena ha riportato la notizia della cerimonia, in cui era presente l’On. Damiano (ex Ministro del Lavoro del Governo Prodi e attuale capogruppo PD in Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati), durante la quale sono stati premiati tre lavoratori con il riconoscimento del “distintivo d’onore Inail”.

Dalle cronache riportate nel citato articolo, con incredibile stupore, abbiamo notato la presenza del signor G. M., dipendente della Suincom di Castelvetro (Mo). Il lavoratore “decorato” fu oggetto di ripetute segnalazione della Flai/Cgil il 10 maggio 2010 e nei giorni seguenti poiché lavorava mentre era in infortunio retribuito dall’Inail. Un episodio che, fra l’altro, fu anche oggetto di un nostro comunicato stampa, pubblicato in data 22 maggio 2010.

L’articolo della cerimonia di assegnazione del “distintivo d’onore Inail”, con tanto di foto dei decorati, è stato poi affisso nella bacheca sindacale, da chi non lo sappiamo, creando profonda indignazione fra i nostri rappresentanti sindacali e fra i lavoratori di quell’azienda.

Nei giorni immediatamente successivi alla pubblicazione dell’articolo sulla decorazione, la Flai/Cgil ha interpellato l’Inail, locale e nazionale, per avere chiarimenti in merito ai criteri e alle procedure adottate nel selezionare i candidati per l’assegnazione del “distintivo d’onore”, facendo presente la particolare storia del signore “decorato”.

Un distintivo che, è opportuno evidenziare, ha prettamente un valore simbolico, con una modesta erogazione economica “una tantum”. Proprio perché ha un valore simbolico, su materie così delicate e importanti come la sicurezza sul lavoro, la Flai/Cgil di Modena si è impegnata per capire le modalità con le quali viene assegnato, ma anche per chiederne il suo ritiro. Richiesta che abbiamo fatto invano anche allo stesso lavoratore decorato che, oggi come allora, è anche responsabile di reparto della Suincom.

L’Inail di Modena ha risposto che i nominativi vengono selezionati da una lista che proviene dalla sede centrale di Roma e che loro compito è quello di accertare i dati anagrafici, la cittadinanza italiana, la percentuale di inabilità e l’assenza di condanne penali superiore a due anni. La stessa Inail di Modena ha confermato d’aver trovato il lavoratore “decorato”, mentre lavorava e che fu denunciato, come d’obbligo, alla Procura della Repubblica di Modena.

L’Inail di Modena, ma anche quella centrale di Roma, pur riconoscendo che non sarebbe stato opportuno assegnare quel distintivo al lavoratore, informa la Flai/Cgil che non è possibile ritirarlo e che al limite potrà essere eventualmente rivista la decisione solo dopo le determinazioni dell’Autorità Giudiziaria, ovviamente se non cadrà in prescrizione (aggiungiamo noi).

Le sedi Inail interpellate, comunque, non hanno fornito informazioni soddisfacenti su come vengono definite queste liste degli invalidi e sui criteri di scelta. Infatti, da quanto possiamo sapere, l’invalido decorato ha una invalidità sicuramente inferiore ad altri lavoratori modenesi, sempre nel settore alimentare, che nello stesso periodo temporale hanno anche subito amputazioni di arti.

Possiamo quindi concludere che, siccome il decorato non ha condanne penali superiori a due anni, si tiene il distintivo e il piccolo malloppo di denaro, mentre a noi e ai suoi colleghi di lavoro rimane l’indignazione!

Qui si conclude questa incresciosa storia che, anch’essa, ben rappresenta il nostro Paese dove, anche su materie così delicate, più volte oggetto di severi moniti del nostro Presidente della Repubblica, l’italica burocrazia dà il peggio di sé.

 Umberto Franciosi, segretario generale sindacato agroindustria Flai/Cgil Modena

 

 In allegato alcuni articoli di stampa a cui si fa riferimento nel comunicato

Suincom Gazzetta 22.5.2010

Suincom Gazzetta 11.10.2011

image_printStampa
Taggato con: ,
RELATED ARTICLES
Cgil informa
terremoto 2012 bassa modenese
alluvione modenese gennaio 2014
Coordinamento esodati Cgil Modena
Utilità funzionatri e dipendenti Cgil Modena

Back to Top