1

SULL’ANNULLAMENTO DI UNA SENTENZA PERCHÉ CARENTE E ERRONEA IN DIRITTO

Diversi sono i principi della giurisprudenza che emergono dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione che la stessa ha richiamati citando le principali precedenti sentenze nelle quali sono stati evidenziati. Il caso sottoposto all’esame della Corte suprema in questa occasione riguarda l’infortunio mortale accaduto all’interno di un capannone a un lavoratore dipendente di una cooperativa, alla quale il committente aveva affidato dei lavori di carico scarico e pulizia di colli, che era caduto dall’altezza di circa 5 metri mentre era posizionate sulle forche di un carrello elevatore con il quale si stava facendo portare in quota. Ritenuto il committente sia dal Tribunale che dalla corte di Appello fra i responsabili dell’accaduto in quanto identificato come datore di lavoro dell’infortunato per essere stato riconosciuto il contratto di appalto come contratto di somministrazione di manodopera. lo stesso ha ricorso per cassazione sostenendo di avere regolarmente adempiuto agli obblighi di cui all’art. 26 del D. Lgs. n. 81/2008 ed evidenziando altresì il comportamento abnorme tenuto dall’infortunato nella dinamica dell’evento infortunistico.

Leggi tutto l’articolo (fonte: puntosicuro.it)