CGIL Modena

LA VERITA’ SU SETA? CHI CI METTE LA FACCIA E CHI NO

Autobus Seta

L’importante lavoro degli organi ispettivi, in testa ITL modenese, segna un altro punto a favore della Filt Cgil che per prima ha segnalato e denunciato per i lavoratori di Seta Spa le presunte irregolarità che arrivavano da turni e orari di lavoro cui erano sottoposti ed a volte obbligati gli stessi a svolgere.
Diverse sono le cause in corso, come invece altre si sono risolte in sede sindacale con la volontà delle parti.

Gli ordini di servizio imposti a suo tempo dalla Società agli autisti a svolgere attività di lavoro straordinario, supplementare o “saltati riposi”, sono oggetto del tavolo negoziale che ci vede da oltre quattro mesi protagonisti di incontri serrati e che hanno prodotto accordi e verbali condivisi a favore degli occupati, in modo particolare degli autisti.
La carenza di personale e la sua stabilizzazione, insieme all’orario di lavoro e al salario, sono solo alcuni dei temi che fanno invece parte della piattaforma sindacale unitaria e condivisa tra tutte le single sindacali.

Occorre però ricordare che con il negoziato aperto a suo tempo, dal quale le altre sigle sindacali si sono sfilate, si è raggiunto l’accordo sul Premio di risultato, scaduto oltre un anno fa e la possibilità per i dipendenti di averne maggiorato l’importo su base volontaria, per accedere al Welfare aziendale. Così come è stata definita l’intesa per l’estensione e l’incremento degli abbonamenti rimborsabili per singolo lavoratore. Anche una prima risposta alla carenza d’organico si è concretizzata con l’accordo sulla stabilizzazione, con trasformazione da tempo determinato a tempo indeterminato di diverse decine di autisti e le assunzioni di nuovo personale.

Ora, è stato risolto tutto?

Sicuramente no, ma è il tavolo delle relazioni industriali e del confronto la sede naturale dove rivendicare diritti, salario e qualità del lavoro per tutti. Non sfugge alla Filt Cgil l’importanza e la necessità di fare l’armonizzazione contrattuale in Seta Spa, anche alla luce delle future gare.

Diversi sono gli appuntamenti, le scadenze e gli impegni che ci vengono consegnati dal Patto Regionale per il Trasporto Pubblico Locale in Emilia-Romagna, siglato da tutti l’11 dicembre scorso, ai quali stiamo cercando di dare coerentemente riscontro.

Mi domando: e le altre sigle sindacali? Quali proposte fanno?

Francamente, chiedere di mandare tutti a casa, urlandolo ai quattro venti, è come ululare alla luna. Nei prossimi giorni ci sarà un nuovo incontro con la Direzione Aziendale, conosciuto anche da chi sfoga il proprio mal di pancia attraverso comunicati e dichiarazioni superficiali.

La Filt Cgil non negozia a tutti costi e rimarrà al tavolo fino a quando si porteranno risultati a tutte le maestranze.

Segretaria Generale FILT Emilia Romagna
Giulia Grandi

Bologna, 18/4/2018

image_printStampa
RELATED ARTICLES

Back to Top