CGIL Modena

VERTENZA CASTELFRIGO: LE INIZIATIVE DI MOBILITAZIONE DEI LAVORATORI IN APPALTO CONTINUERANNO PER TUTTO IL MESE DI DICEMBRE

castelfrigo, manifestazione Montecitorio, 27.11.17

Continueranno per tutto il mese di dicembre le iniziative di mobilitazione dei soci-lavoratori delle false cooperative “Ilia D.A.” e “Work Service”, appaltatrici presso la Castelfrigo Srl di Castelnuovo Rangone (Modena). Se non si troveranno soluzioni che diano risposta ai 127 lavoratori sottoposti a procedura di licenziamento, verranno previsti anche sit-in permanenti dove si darà corso a forme di protesta non violenta come lo sciopero della fame.

Questo è quanto deciso dall’assemblea dei soci-lavoratori che si è svolta ieri mattina presso la Cgil di Modena e che ha fatto il punto su una vertenza partita lo scorso 17 ottobre e che oggi è arrivata il 31° giorno di sciopero consecutivo.

“Nel dossier presentato alle istituzioni abbiamo dimostrato che le nostre denunce certificate risalgono al 2005 – dichiara Marco Bottura della Flai/Cgil – e che il sistema delle false cooperative e delle società-scatola in questi anni si è esteso e radicato, proprio nel nostro territorio modenese. Le vittime sono prima di tutto i lavoratori – continua il sindacalista – a partire da quelli delle false cooperative. Il caso Castelfrigo dimostra che a questi lavoratori è di fatto impedito di lavorare regolarmente in società che versano regolarmente tasse e contributi, perché devono accettare i cambi di false cooperative, pena il licenziamento. Ma non solo: per loro è di fatto negato anche un ammortizzatore sociale conservativo. L’unica via d’uscita è che Castelfrigo, come ogni azienda committente, si prenda carico dei problemi generati dall’appaltatore che ha scelto.”

 

Flai/Cgil Modena

 

Modena, 29 novmebre 2017

 

image_printStampa
RELATED ARTICLES

Back to Top