CGIL Modena

VERTENZA FRAMA ACTION: A NOVI DI MODENA SI STA CONSUMANDO UN DELITTO NEI CONFRONTI DEI LAVORATORI

frama kyenge al presidio 3.2.19

Da una parte l’arroganza impunita dell’azienda, dall’altra i lavoratori che perdono il posto di lavoro e rischiano, insieme alle loro famiglie, l’emarginazione sociale.
Di fronte ad un’azienda che decide di chiudere il sito di Novi di Modena, senza rendersi disponibile a verificare soluzioni alternative e in ogni caso di tutela dei lavoratori, l’unica risposta che resta è la difesa dei posti di lavoro con ogni strumento possibile.
L’azienda se ne frega della responsabilità sociale che le compete e i lavoratori vengono denunciati solo perché stanno cercando di far valere i propri diritti e salvaguardare la propria dignità.
In questo modo non si va da nessuna parte e si alimenta irresponsabilmente il conflitto sociale: c’è un solo responsabile di quanto sta accadendo ed è la Frama.
Questa mattina un’altra provocazione è stata messa in atto dall’azienda nei confronti dei lavoratori in presidio, finalizzata a cercare a tutti i costi l’incidente, facendosi forza di una normativa indecente che penalizza chi perde il posto di lavoro e favorisce chi con arroganza chiude i siti produttivi e licenzia.
Come Cgil e Fiom dell’Emilia Romagna siamo al fianco dei lavoratori della Frama e, se l’azienda dovesse perseverare nell’atteggiamento irresponsabile e autoritario, metteremo in campo tutto ciò che si rendesse necessario per tutelare i diritti di chi lavora.

p. Fiom Cgil Emilia Romagna p. Cgil Emilia Romagna
Bruno Papignani Antonio Mattioli

Bologna, 14 febbraio 2019

 

Intervista trasmessa da Radioarticolo1.it il 14/2/2019 a cura di Martina Toti

 


L’arroganza del padrone di rassegna.it – 14/2/2019
Dopo aver annunciato la chiusura, la Frama Action di Modena denuncia sindacalisti e lavoratori in presidio per difendere la fabbrica.
Ne parla Cesare Pizzolla, Segretario Generale Fiom Cgil Modena


image_printStampa
RELATED ARTICLES

Back to Top