AFGHANISTAN: CORDOGLIO DELLA CGIL DI MODENA

17 Set 2009

Modena, 17 settembre 2009

 

 

 

La CGIL di Modena esprime il più sentito cordoglio alle famiglie dei sei militari rimasti vittime dell’attentato kamikaze a Kabul. Auspica la pronta guarigione degli altri militari feriti ed esprime cordoglio per tutte le vittime dell’attentato.

Nonostante il drammatico momento, la Cgil ritiene che non si debba ulteriormente rinviare una seria riflessione sulle strategie di pace internazionale, compreso il ruolo delle missioni militari.

 

 

Segreteria Cgil Modena

 

 

 

 

 

CORDOGLIO FIOM PER I MILITARI VITTIME DELL’ATTENTATO IN AFGHANISTAN

 Ordine del Giorno

Comitato Direttivo allargato Fiom/Cgil Modena – 18 settembre 2009

approvato a maggioranza, 1 astenuto

 

 

 

Il Comitato Direttivo della Fiom/Cgil di Modena riunito oggi, 18 settembre 2009, esprime cordoglio e vicinanza ai familiari dei militari italiani vittime dell’attentato di ieri in Afghanistan.

Questo dramma non è solo un momento di cordoglio, ma deve aprire una seria discussione sulla presenza dei nostri soldati in questo disgraziato paese. Pertanto riteniamo che sia giunto il momento di ritirare i nostri soldati, anche alla luce dei brogli elettorali che inficiano la legittimità di questa democrazia.

Il Direttivo Fiom ritiene opportuno il ritiro di tutti i militari italiani presenti nei vari teatri di guerra, non è con la violenza delle armi che si risolvono problemi di carattere politico.

 

image_print

Articoli correlati

19 Apr 2024 difendiamo la sanità pubblica

ADESSO BASTA! MANIFESTAZIONE NAZIONALE DI CGIL E UIL SABATO 20 APRILE A ROMA

Sabato 20 aprile si terrà a Roma una manifestazione nazionale organizzata da Cgil e Uil per rivendicare Locandina con l’articolazione […]

19 Apr 2024 infortunio lavoro

28 APRILE GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

Cgil e Inca dalla tua parte Il Diritto al lavoro e la tutela del lavoro sono i pilastri della nostra […]

19 Apr 2024 addestramento al lavoro

NORME E BACCHETTE MAGICHE

A fronte di eventi infortunistici che impattano pesantemente sull’opinione pubblica, la reazione istituzionale più frequente è quella di inventarsi nuove […]