#FAILACOSABUONA, MOBILITAZIONE NAZIONALE DELL’EDILIZIA IL 1°APRILE. DA MODENA 200 EDILI A ROMA A CINECITTA’

31 Mar 2023 #failacosabuona, bonus 110%, codice appalti, efficentamento energetico, fillea, mobilitazione, subappalti,

Saranno oltre 200 gli edili modenesi che parteciperanno alla mobilitazione nazionale #failacosabuona sabato 1° aprile promossa dai sindacati Fillea Cgil e Feneal Uil.
Sono cinque le piazze della mobilitazione scelte tra le periferie italiane, e i modenesi confluiscono su quella di Roma che si tiene la mattina in piazza Don Bosco a Cinecittà.
Fillea e Feneal chiedono la modifica del decreto 11/2023 sui bonus edili, che rischia di distruggere 100 mila posti di lavoro – 3.000 a Modena – e soprattutto di escludere milioni di cittadini a basso reddito dalla possibilità di avere una casa più vivibile e sicura, più efficiente in termini energetici, più salubre e con bollette meno care. Rendendo i bonus edili solo misure per ricchi.
“Per questo chiediamo – spiegano Rodolfo Ferraro segretario Fillea Cgil Modena e Silvio D’Acunto coordinatore Feneal Uil Modena – la cessione del credito e lo sconto in fattura per gli incapienti per i redditi medio-bassi (Isee inferiore ai 30 mila euro), per i condomini e per chi vive nelle periferie”.
Il Paese ha bisogno di una politica strutturale di efficientamento energetico capace di centrare gli obbiettivi dell’Agenda Onu 2030 e delle direttive dell’Unione Europea finalizzate alla rigenerazione e riqualificazione urbana.
Il nuovo Codice Appalti messo a punto dal ministro Salvini prevede l’assegnazione diretta o a inviti degli appalti sino a 5 milioni 382.000 euro, ovvero l’80% degli appalti pubblici degli ultimi anni, che saranno assegnati perciò senza bando di gara. “Se a ciò si aggiunge la liberalizzazione del sub appalto, – continuano i sindacalisti Fillea e Feneal – si rischiano conseguenze catastrofiche sul piano della legalità, trasparenza, rispetto dei diritti dei lavoratori, della qualità del lavoro e difesa delle aziende serie”.
“Ci batteremo contro questo disegno scellerato che cancella anni di conquiste per i lavoratori – concludono Ferraro e D’Acunto – e all’apposto favorisce le infiltrazioni mafiose, soprattutto in un territorio già ampiamente segnato come quello modenese, e particolarmente esposto in previsione degli ingenti investimenti del Pnrr. Inoltre, il proliferare dei sub appalti, minerà la sicurezza nei luoghi di lavoro e intaccherà il salario. Il nuovo Codice degli appalti farà pagare il prezzo più alto ai lavoratori in termini di diritti e salari”.

Modena, 30/3/2023


Per approfondimenti
www.failacosabuona.org


#failacosabuona

image_print

Articoli correlati

24 Giu 2024 bellco

CRISI MOZARC, AUT AUT DELLA REGIONE A MEDTRONIC E DAVITA:“STOP ALLA FINANZA, SÌ AL RILANCIO. CAMBIATE REGISTRO O SARA’ MOBILITAZIONE SENZA PRECEDENTI”

“Mancano 48 ore alla riunione del tavolo a Bologna e l’assessore regionale alle Attività produttive Vincenzo Colla ha lanciato nel […]

24 Giu 2024 colpa soggettiva datore lavoro

SULL’OBBLIGO DI VIGILANZA DEL DATORE DI LAVORO

Diversi i principi richiamati dalla Corte di Cassazione in questa sentenza e rivenienti da una consolidata giurisprudenza di legittimità in […]

24 Giu 2024 differenze di genere

COME AFFRONTARE UNA VALUTAZIONE DEI RISCHI IN OTTICA DI GENERE?

Se, come segnalato in molti nostri articoli, è lo stesso D.Lgs. 81/2008 a sottolineare la necessità di garantire l’uniformità delle […]