INTERPUMP HIDRAULICS: CONTRATTO DI SOLIDARIETA' PER EVITARE I LICENZIAMENTI

29 Apr 2009

Nonantola, 29 aprile 2009

 

 

 

 

Nonostante a Nonantola la situazione produttiva nel comparto metalmeccanico non veda segnali di ripresa, smentendo quanto riportato con superficialità dagli organi d’informazione nazionali, e a tutt’oggi almeno un 70% delle aziende della zona siano interessate a percorsi di cassa integrazione ordinaria o di utilizzo del fondo mutualistico Eber per gli artigiani, la FIOM/CGIL di zona e la RSU di Interpump Hydraulics, esprimono un giudizio positivo sull’accordo raggiunto nei giorni scorsi con la direzione aziendale.

Le parti hanno sottoscritto un contratto di solidarietà che mantiene in forza tutti i 300 lavoratori occupati nelle divisioni di Modena e Bologna (110 nello stabilimento di Nonantola).

L’azienda facente parte della multinazionale Interpump Group Spa che opera nel settore trasporti e costruzioni, già dallo scorso settembre ha visto una forte riduzione dei volumi produttivi con  parecchie settimane di cassa integrazione richieste, e a fronte di una situazione che non accenna a migliorare, ha comunque escluso da subito l’utilizzo della mobilità, che nei fatti vuol dire licenziamenti.

Insieme alla FIOM/CGIL si sono studiate soluzioni alternative, e lo strumento da utilizzare è subito sembrato il contratto di solidarietà, e l’intesa raggiunte è fra le prime sottoscritte a Modena.

 

Di fronte ad una dichiarazione di esuberi di oltre 100 lavoratori, la soluzione adottata permette di non perdere un solo posto di lavoro, riducendo a tutti l’orario di lavoro di circa il 50%, con una integrazione economica da parte dell’inps per le ore non effettuate, anticipata dall’azienda, pari ad un 60% della normale retribuzione.

L’accordo ha la durata di un anno a partire dal 1° Maggio 2009, ed oltre alla maturazione dei ratei di ferie, permessi e tredicesima nella maniera prevista dalla legge, si sono contrattate tre una tantum, pari mediamente a 250 euro a dipendente, da erogare nel corso dell’accordo sulla base delle ore di effettiva riduzione di orario.

Infine tutti i lavoratori con contratti a termine, saranno trasformati alle normali scadenze a tempo indeterminato.

Pur consapevoli dei sacrifici richiesti FIOM/CGIL e RSU, con il mandato dei lavoratori che hanno approvato l’accordo, ritengono, in attesa di una ripresa produttiva, l’unica soluzione al momento condivisa.

La FIOM/CGIL auspica che lo strumento dei contratti di solidarietà si possa applicare anche ad altre imprese, che in maniera più o meno velata, fanno capire che la sola CIG ordinaria non sia sufficiente per uscire dalla crisi.

 

FIOM/CGIL Nonantola

image_print

Articoli correlati

16 Apr 2024 difendiamo la sanità pubblica

ADESSO BASTA! MANIFESTAZIONE NAZIONALE DI CGIL E UIL SABATO 20 APRILE A ROMA

Sabato 20 aprile si terrà a Roma una manifestazione nazionale organizzata da Cgil e Uil per rivendicare Locandina con l’articolazione […]

15 Apr 2024 carlo albè

FILLEA CGIL IN FESTA IL 19 APRILE AL PARCO DI VILLA OMBROSA A MODENA

Nella location di Villa Ombrosa a Modena (strada Vaciglio Nord, 6) si svolge venerdì 19 aprile la festa del sindacato […]

15 Apr 2024 edicole

EDICOLE, ULTIMI GIORNI PER COMPILARE IL QUESTIONARIO PER MIGLIORARE IL SERVIZIO

Ultima settimana per partecipare al sondaggio “La tua opinione conta” lanciato dagli edicolanti modenesi per migliorare l’offerta editoriale e i […]