ITALPIZZA, LA CGIL STA DALLA PARTE DEI LAVORATORI

05 Mar 2019 appalti, contrattazione di sito, cooperative, discriminazioni, evologica, italpizza, ritorsioni, uil trasporti, volantinaggio,

Riguardo alle recenti polemiche sulla vertenza Italpizza, la Cgil e le sue categorie vogliono rassicurare tutte le parti in causa che la posizione della Cgil è quella di sempre: dalla parte dei lavoratori. Così è stato il 26 febbraio scorso, quando abbiamo distribuito volantini davanti ai cancelli per dire che non era giusto che i lavoratori che fanno le pizze abbiano il contratto delle pulizie. Così è stato ieri, lunedì 4 marzo, quando abbiamo distribuito un altro volantino rivendicando per i lavoratori la libertà di esprimere la propria opinione e la propria adesione sindacale senza timore di essere trasferiti o cambiati di mansione o licenziati. E così sarà nei prossimi giorni, anche se ciò sta suscitando fastidi e irritazioni, perché fuori dai cancelli ci sono anche altre organizzazioni sindacali che protestano per gli stessi motivi.

Ci sono tre fatti che è bene ricordare riguardo alla vertenza Italpizza.
Il primo è che l’Ispettorato del Lavoro ha elevato 700.000 euro di sanzioni verso Italpizza e le Società Appaltatrici dentro Italpizza. Queste sanzioni arrivano dopo che la Flai-Cgil a fine 2016 chiese un incontro a Italpizza sulle applicazioni contrattuali e, non ricevendo risposta, denunciò le irregolarità all’Ispettorato del Lavoro.
Il secondo è che i lavoratori sono discriminati e lavorano nella paura di esporsi e di subire ritorsioni, come è successo a S.E., licenziato perché ha chiesto un aumento in busta paga. Solo nel segreto viene fuori questo disagio, come è successo nelle votazioni sul contratto aziendale tra Evologica, una società appaltatrice in Italpizza, e UIL Trasporti, dove nell’urna sono finite 227 schede contrarie e ben 172 schede nulle di protesta.
Il terzo è che il pluri-certificato sistema Italpizza produce una sequenza di fallimenti di società appaltatrici uguale a quello di qualunque altro sistema-appalti del nostro distretto agroalimentare. Società appaltatrici che si susseguono una dietro all’altra producendo debiti verso l’erario o, per meglio dire, verso “la comunità”.

“La soluzione avanzata dalla Cgil è la “contrattazione di sito” – dichiarano le categorie della Cgil impegnate nella vertenza – cioè un confronto aperto tra imprese del sito produttivo e organizzazioni dei lavoratori dove recuperare dignità e regolarità del lavoro. Ad oggi registriamo invece un rifiuto netto di Italpizza a contrattazioni di questo tipo, preferendo invece accordi segreti, forzature, accuse. La Cgil ha avanzato formalmente una “piattaforma di sito” e una richiesta di incontro. Ad oggi non abbiamo risposta, quindi continueremo la nostra attività sindacale davanti ai cancelli”.

Cgil Modena
Flai/Cgil Modena
Filcams/Cgil Modena
Filt/Cgil Modena

Modena, 5/3/2019

 

Servizio di Tv Qui Modena del 12/3/2019

 

image_print

Articoli correlati

12 Giu 2024 bellco

SHOCK A MIRANDOLA: ANNUNCIATA LA CHIUSURA DEI REPARTI PRODUTTIVI DI MOZARC BELLCO. PROTESTA IMMEDIATA

Filctem Cgil e Femca Cisl alzano lo scudo e chiamano in soccorso tutta la Comunità.“Fermiamo insieme questo modo tossico di […]

12 Giu 2024 cgil

L’ENNESIMO FEMMINICIDIO CHE QUESTA VOLTA COLPISCE LA NOSTRA PROVINCIA

La Cgil di Modena esprime il proprio cordoglio per l’ennesimo caso di femminicidio che questa volta ha come sfondo la […]

12 Giu 2024 colpo di calore

CALDO E COLPI DI SOLE, COME TUTELARE I LAVORATORI

L’iniziativa “Caldo estremo, colpi di calore e tutela della salute e sicurezza sul lavoro: prospettive e strategie”. Sono presentati i […]