ITALPIZZA, STUPISCONO LE PAROLE DI CAIUMI (CONFINDUSTRIA). LA CGIL NON LAVORA PER ALLONTANARE LE AZIENDE DAL TERRITORIO, MA PER UNA SOLUZIONE DI SISTEMA SUGLI APPALTI

05 Set 2019 cgil modena, confindustria, filcams, filt, flai, italpizza, modena,

Con stupore apprendiamo dalla stampa che il presidente di Confindustria Emilia è preoccupato che le polemiche sui giornali possano far pensare ad Italpizza di andarsene.
Vogliamo tranquillizzare Confindustria che la Cgil conferma i contenuti dell’accordo sottoscritto a luglio e che non lavora per far allontanare le imprese dal territorio, ma siamo altresì preoccupati da atteggiamenti aziendali che possano vanificare il lavoro svolto in questi mesi.
Inoltre vorremmo puntualizzare alcuni aspetti del negoziato concluso in modo positivo con la firma avvenuta il 17 luglio 2019 di tutte le parti coinvolte nel sito.
Non sarà sfuggito che al tavolo negoziale era seduta anche Confindustria. Nell’accordo è stato sottoscritto la reinternalizzazione dei lavoratori della cooperativa Evologica addetti alla produzione con adeguamento salariale, mentre per i lavoratori di Cofamo era previsto un tavolo di confronto per verificare la corretta applicazione contrattuale che doveva concludersi entro la fine dell’anno.
Evidentemente la disdetta dell’appalto ha creato allarme tra i lavoratori, pertanto come sindacati abbiamo chiesto una immediata convocazione delle parti per un confronto che chiarisca la posizione di Italpizza e sul proseguimento del confronto coerentemente con quanto scritto nell’accordo.

Vorremmo puntualizzare che al tavolo negoziale non è mai stato fatto cenno ad eventuali disdette dell’appalto nei confronto di Cofamo. Per quanto ci riguarda l’accordo è una tutela ulteriore dei lavoratori in quanto è prevista una clausola di salvaguardia per la continuità occupazionale anche in caso di cambio appalto.

Stupisce che Confindustria crei ulteriori fibrillazioni su un percorso che sicuramente non sarà dei più semplici.

Alla luce delle tante vertenze che vedono il tema appalti al centro del contenzioso e motivo di forti tensioni la Cgil ritiene non più rinviabile un confronto con tutte le parti sociali e le istituzioni che abbia come scopo la limitazione dell’utilizzo degli appalti nel nostro territorio.

 

Segreteria Cgil Modena

 

Modena, 5/9/2019

 

image_print

Articoli correlati

24 Lug 2024 blocco scatto 2013

RECUPERO DEL BLOCCO DELLO SCATTO 2013 NELLA PROGRESSIONE DI CARRIERA

La FLC CGIL Modena propone un ricorso per il recupero del blocco dello scatto 2013 nella progressione di carriera.Il ricorso […]

24 Lug 2024 contratto provinciale integrativo

EDILIZIA, A MODENA UN SETTORE IN FORTE CRESCITA. CGIL, CISL E UIL: “ORA IL RINNOVO DEL CONTRATTO PROVINCIALE”

Il settore edile a Modena è in salute, coinvolge oltre 15.000 addetti (tra operai e impiegati) distribuiti in 1.475 aziende. […]

23 Lug 2024 ccnl

CONTRATTO CERAMICHE. SOTTOSCRITTA L’IPOTESI DI ACCORDO PER IL RINNOVO. L’AUMENTO COMPLESSIVO SARÀ DI 208,75 EURO

Roma, 22 luglio 2024. Oggi a Roma, dopo 13 mesi di difficili trattative e il riuscito sciopero nazionale delle lavoratrici […]