La disoccupazione colpisce anche gli stranieri/Rassegna.it

27 Mag 2009

Nel 2008 tasso all’8,5%, in crescita del 2% annuo: 162mila in cerca di lavoro. Nella scuola gli alunni non italiani sono aumentati dell’87% rispetto al 2003-04. Sanità, poche visite specialistiche e controlli preventivi

 
Nel 2008 il tasso di disoccupazione degli stranieri è pari all’8,5%, in crescita del 2% rispetto al 2007. E’ quanto si legge nel Rapporto annuale dell’Istat. La crisi non colpisce solo gli italiani: l’anno scorso sono 162mila gli stranieri in cerca di lavoro, ovvero 26mila in più rispetto all’anno precedente. Nell’ultimo trimestre 2008, in particolare, la quota dei disoccupati stranieri ha superato il 10% dell’area dei senza lavoro. I più penalizzati sono gli uomini tra i 40 e i 49 anni: “L’andamento dell’ultimo anno – si legge nel testo – segnala un forte calo delle donne disoccupate con responsabilità familiari, soprattutto di quelle con figli, arrivate a incidere non più del 70% a fronte del 78% di tre anni prima. Al contrario, gli effetti della crisi sembrano aver investito i loro coniugi/conviventi uomini, la cui incidenza è invece aumentata in maniera significativa”. Nel 2008 sette stranieri su dieci dichiarano di aver perso il posto, soprattutto nell’industria e nelle costruzioni; per il 67% di questi si tratta di disoccupazione di breve durata.

3,9 milioni residenti in Italia
In generale, il Rapporto afferma che a gennaio 2009 gli stranieri residenti in Italia sono quasi 3,9 milioni. Tra loro 920mila provengono dall’Europa centro-orientale e 953mila dai nuovi Stati membri della Ue. Nel 2007 il saldo migratorio con l’estero è stato pari a 495mila unità, ovvero il più alto mai rilevato in assenza di regolarizzazioni. Il saldo 2008  è di 463mila unità.

A spingere gli stranieri nel nostro Paese è la ricerca di lavoro. Nel 2007 gli ingressi per questa ragione “assumono nuovamente un ruolo preminente – secondo l’Istituto – nel determinare l’aumento della presenza straniera regolare”. I permessi per lavoro sono aumentati di 150mila unità contro i 71mila rilasciati per ricongiungimento famigliare.

Scuola, alunni stranieri +87% dal 2003-04
Nell’anno scolastico 2007-08 gli alunni stranieri toccano quota 574mila, in aumento dell’87% rispetto al 2003-04; in questo periodo l’incidenza sul totale è passata da 3,5 a 6,4 studenti non italiani ogni 100 iscritti. La maggior parte si registra nelle primarie (7,7 su 100 iscritti), mentre l’incidenza scende nella scuola secondaria (4,3 su 100 iscritti), anche se la loro presenza è più che raddoppiata rispetto al 2003-04. Il 41% degli stranieri alle superiori si iscrive agli istituti professionali contro il 19,4% degli italiani. Un percorso scolastico, rileva l’Istituto, non facile: oltre la metà degli iscritti a scuole secondarie di primo grado presenta ritardi negli studi, contro il 6,8% degli iscritti italiani.

Sanità, pochi vanno dallo specialista
Tra gli stranieri il ricorso a visite specialistiche è meno diffuso rispetto agli italiani. Il dato vale sia in termini complessivi (15 visite per 100 stranieri contro 25 visite per 100 italiani), sia per il numero di persone che vi fanno ricorso: il 5,7% degli stranieri contro l’11,5% degli italiani. Pochi anche i controlli preventivi: il 40% degli stranieri riferisce non aver mai misurato colesterolo o glicemia, contro il 22% degli italiani, il 35,2% non si è mai sottoposto a controlli della pressione arteriosa contro il 19,7% degli italiani.

Biggeri, servono politiche territoriali
“I fenomeni migratori non meritano soltanto di essere gestiti a livello nazionale, ma richiedono anche politiche territoriali per tenere conto delle specifiche caratteristiche assunte dall’immigrazione”. Così il presidente dell’Istat, Luigi Biggeri, ha commentato il capitolo sugli stranieri. In particolare, ha detto, la forte presenza di minori (867mila nel 2007) richiede un’offerta adeguata di servizi. Scuole, mezzi di trasporto, assistenza sanitaria e servizi scolastici sono “irrinunciabili, soprattutto per chi non può contare sulla rete della famiglia e degli amici”.

26/05/2009 12:58

image_print

Articoli correlati

16 Apr 2024 difendiamo la sanità pubblica

ADESSO BASTA! MANIFESTAZIONE NAZIONALE DI CGIL E UIL SABATO 20 APRILE A ROMA

Sabato 20 aprile si terrà a Roma una manifestazione nazionale organizzata da Cgil e Uil per rivendicare Locandina con l’articolazione […]

15 Apr 2024 carlo albè

FILLEA CGIL IN FESTA IL 19 APRILE AL PARCO DI VILLA OMBROSA A MODENA

Nella location di Villa Ombrosa a Modena (strada Vaciglio Nord, 6) si svolge venerdì 19 aprile la festa del sindacato […]

15 Apr 2024 edicole

EDICOLE, ULTIMI GIORNI PER COMPILARE IL QUESTIONARIO PER MIGLIORARE IL SERVIZIO

Ultima settimana per partecipare al sondaggio “La tua opinione conta” lanciato dagli edicolanti modenesi per migliorare l’offerta editoriale e i […]