LAVORATORI MERCI-LOGISTICA DA TUTTA L’EMILIA ROMAGNA A MODENA PER DISCUTERE DEL SETTORE E DEL RINNOVO DEL CONTRATTO NAZIONALE

09 Giu 2023 contratto, filt, merci e logistica,

Si è svolto stamattina a Modena il Coordinamento di delegati/e funzionari/e del settore merci e logistica della Filt Cgil Emilia Romagna. Di fronte ad una platea di oltre 150 persone provenienti da tutte le realtà produttive della Regione, è stato affrontato il tema dell’intera filiera logistica (appalti, corrieri, spedizionieri, autotrasportatori) come asset strategico del nostro Paese, al centro di un cambiamento radicale dettato anche dall’innovazione tecnologica.
Adriano Montorsi segreteria Filt Emilia Romagna ha introdotto i lavori, saluto di Roberto Righi della segreteria Cgil Modena e interventi di Massimo Bellini segretario Filt Cgil Emilia Romagna, Daniele De Maria referente formazione Filt Cgil Emilia Romagna. Interventi di delegati/e e funzionari/e con testimonianze, idee e proposte per il futuro. Le conclusioni sono state affidate a Michele De Rose segretario nazionale Filt Cgil

Parlare di logistica oggi significa trattare di un tema fondamentale dal punto di vista strategico per l’intero paese, come ampiamente dimostrato nelle situazioni critiche dalla pandemia da covid e dai recenti eventi climatici drastici che hanno colpito la Romagna, a cominciare banalmente dalla consegna dei farmaci e dei beni di prima necessità.
Il settore rappresenta oggi in Regione oltre 80.000 lavoratori per un fatturato 13 miliardi di euro, oltre il 16% della logistica in Italia.
Il Coordinamento dei delegati/e e funzionari/e ha affermato la necessità di dare centralità e pieni diritti contrattuali al settore, ancora oggi caratterizzato da diffusi fenomeni di dumping contrattuale, irregolarità e frammentazione del lavoro.
Il contratto nazionale, per il quale oggi la Filt Cgil ER, con questo Coordinamento, ha lanciato l’inizio del percorso di rinnovo, dovrà pertanto caratterizzarsi per una solida risposta di carattere economico, anche alla luce dell’inflazione a due cifre, rafforzamento dei diritti a partire dall’estensione della clausola sociale e dall’equiparazione piena dei diritti per tutti con particolare riferimento agli addetti della sezione cooperativa per i quali si ritiene necessaria una revisione della normativa di riferimento (L.142/2001)
Durante i lavori è stata espressa vicinanza e solidarietà alle popolazioni alluvionate della Romagna e un ringraziamento ai volontari della Cgil per il lavoro svolto nella gestione dell’hub di Cesena per affrontare le emergenze e i soccorsi.

 

Modena, 9/6/2023

 

 

merci e logistica 9.6.23

image_print

Articoli correlati

24 Lug 2024 blocco scatto 2013

RECUPERO DEL BLOCCO DELLO SCATTO 2013 NELLA PROGRESSIONE DI CARRIERA

La FLC CGIL Modena propone un ricorso per il recupero del blocco dello scatto 2013 nella progressione di carriera.Il ricorso […]

24 Lug 2024 contratto provinciale integrativo

EDILIZIA, A MODENA UN SETTORE IN FORTE CRESCITA. CGIL, CISL E UIL: “ORA IL RINNOVO DEL CONTRATTO PROVINCIALE”

Il settore edile a Modena è in salute, coinvolge oltre 15.000 addetti (tra operai e impiegati) distribuiti in 1.475 aziende. […]

23 Lug 2024 ccnl

CONTRATTO CERAMICHE. SOTTOSCRITTA L’IPOTESI DI ACCORDO PER IL RINNOVO. L’AUMENTO COMPLESSIVO SARÀ DI 208,75 EURO

Roma, 22 luglio 2024. Oggi a Roma, dopo 13 mesi di difficili trattative e il riuscito sciopero nazionale delle lavoratrici […]