PENSIONI, I TAGLI DEL GOVERNO SULLA RIVALUTAZIONE. SPI CGIL “DAREMO BATTAGLIA PER RIAVERE IL MALTOLTO”

06 Mar 2023 governo, pensioni, perequazione, spi, tagli,

Sono arrabbiati i pensionati dello Spi Cgil e denunciano con forza i “tagli” alle pensioni introdotti dal Governo di centrodestra con le nuove fasce di perequazione che penalizzano soprattutto le pensioni da contribuzione lavorativa, ovvero di chi ha versato 42-43 anni di contributi.
Uno scippo ai pensionati – afferma Alfredo Sgarbi segretario Spi Cgil Modena – praticamente è stato decapitato il recupero dell’inflazione, sottratti 3,6 miliardi ai pensionati per destinarli ad altre misure nella Legge di Bilancio, le pensioni che subiscono tagli da 307 euro sino a 3.369 euro all’anno. Insomma – prosegue Sgarbidanni permanenti che non si recupereranno mai più e peseranno negli anni”.
Altro che slogan di soddisfazione come espresso da altri sindacati sulla rivalutazione delle pensioni per 200.000 modenesi. “Questa non è altro che una decisione unilaterale del Governo che ha deciso di rivalutare al 100% del 7,3% (inflazione provvisoria) solo le pensioni più basse, cioè quelle sino a 4 volte il trattamento minimo, ovvero sino a 2.101,52 euro lordi” spiega Roberta Lorenzoni dello Spi Cgil. L’Inps ha quindi proceduto a rivalutare queste pensioni dal 1° gennaio 2023, rimandando a marzo la rivalutazione di quelle di importo superiore per le quali sono previsti invece tagli notevoli, con una riduzione della perequazione su tutte le fasce, sino ad arrivare al 32% del 7,3% per le pensioni superiori a 5.238,81 euro lordi. Insomma, tagli notevoli da 307 a 3.369 euro all’anno come dimostra la tabella in allegato con alcuni esempi calcolati su una pensione media lorda mensile per fasce.
“Inoltre, l’aumento del 7,3% non è certo un <regalo>, una <generosa elargizione> del Governo, ma il risultato dell’inflazione galoppante nel 2022 e che viene recuperata solo in parte dal 7,3%” aggiunge Lorenzoni. Un’altra precisazione riguarda anche l’anticipo del 2% di perequazione 2023 prevista dal Decreto Aiuti Bis di Draghi per i mesi di ottobre-novembre-dicembre 2022: anche qui si tratta di un anticipo non strutturale, poiché decadeva il 31.12.22.
“Insomma, non siamo per niente contenti – commenta il segretario dello Spi Cgil Sgarbici stanno scippando le pensioni, ci sottraggono risorse in modo permanente che non si recupereranno più. E poi con le risorse sottratte ai pensionati non è che si sono finanziati interventi a favore degli stessi, come il Governo ha voluto far credere con l’intervento sui trattamenti minimi: queste sono infatti briciole corrisposte solo per il 2023 e il 2024. Le risorse tolte ai pensionati sono andate invece a finanziare misure come la flat tax”.
Lo Spi Cgil si batterà per tornare all’accordo con il Governo Draghi del 2021, ovvero tornare alla rivalutazione dei Governi Prodi e Amato, dopo anni di penalizzazioni, del 100% sulla pensione sino a 2.101,52 euro lordi, del 90% sulla quota di pensione compresa fra 2.101,52 e 2.626,9% e del 75% su quote di pensione superiore a 2.626,9.

 

confronto indici rivalutazione pensioni 2023

Modena, 6/3/2023

image_print

Articoli correlati

14 Giu 2024 bellco

VERTENZA MOZARC BELLCO MIRANDOLA, “GIU’ LE MANI DAL BIOMEDICALE!” DOMANI 15 GIUGNO GRANDE CORTEO PER LE VIE CITTADINE

Si annuncia imponente il corteo per le vie cittadine di Mirandola promosso dai sindacati Cgil e Cisl insieme ai sindacati […]

14 Giu 2024 cgil

SPI MO’, RIPARTE LA TRASMISSIONE DEL SINDACATO SU TRC CON LA NOVITA’ OPEN CGIL

Prosegue anche per il 2024 la trasmissione Spi Mo’ del sindacato pensionati Spi Cgil Modena dedicata ai problemi e agli […]

13 Giu 2024 crisi

STELLANTIS. OREGGIA (FIOM): NESSUNA GARANZIA PER MODENA E CENTO. NECESSARIO UN PIANO STRATEGICO PER GLI STABILIMENTI ITALIANI

“Nell’incontro di oggi tenutosi al Mimit con la partecipazione del Ministro Urso, purtroppo si confermano tutte le preoccupazioni che come […]