MASERATI, PREOCCUPAZIONE PER IL FUTURO INDUSTRIALE. IL 2 FEBBRAIO INCONTRO CON SINDACO DI MODENA E ASSESSORE REGIONALE

03 Feb 2024 cassa integrazione, fiom, maserati auto,

I sindacati Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm Uil hanno tenuto lo scorso 26 gennaio le assemblee sindacali in Maserati Modena, sia nello storico stabilimento di via Ciro Menotti che presso l’Innovation Lab di via Emilia Ovest per informare lavoratrici e lavoratori dell’esito dell’incontro tenuto con l’Azienda il 25 gennaio. La partecipazione dei dipendenti è stata altissima, così come la partecipazione attiva al dibattito.

Maserati da inizio 2024 ha già utilizzato giornate di cassa integrazione immediatamente dopo il periodo feriale natalizio, ha richiesto un ulteriore periodo nella settimana in cui cade la festività del Santo Patrono e, ancor prima del rientro al lavoro, ha preannunciato due ulteriori settimane di cassa integrazione a febbraio. Nell’incontro con i sindacati ha inoltre comunicato ulteriori settimane di cassa integrazione nel mese di marzo lasciando intendere, peraltro, che la primavera non sarà migliore.

Nei fatti i 220 dipendenti dello stabilimento di via Ciro Menotti, operai ed impiegati, hanno svolto il 26 gennaio il loro ultimo giorno di lavoro e rientreranno al lavoro il 4 marzo, con la prospettiva (ad oggi) di soli 10 giorni di lavoro nel mese di marzo.

Per quanto riguarda il sito di via Emilia Ovest, al momento, non è previsto l’utilizzo di ammortizzatori sociali, ma questo non tranquillizza le persone che operano in quell’unità produttiva. Nel corso dell’incontro le organizzazioni sindacali hanno posto all’azienda la domanda precisa e stringente sul futuro del sito di via Emilia Ovest dove sono concentrate le attività di ricerca e sviluppo.
“L’Azienda resterà qui?” La risposta è stata un troppo vaga “per adesso sì” e questo nell’ambito di un progetto complessivo di riduzione delle aree occupate che, per ammissione di Maserati stessa, “potrebbe” riguardare anche via Emilia Ovest. Inevitabile quindi la preoccupazione di lavoratrici e lavoratori che operano in quella sede.

Naturalmente questa vaghezza, sommata all’avvio della cassa integrazione, ha indotto la richiesta di Fiom Fim e Uilm all’azienda sulla tenuta occupazionale. La risposta di Maserati è stata la rappresentazione di un’attività organizzativa “dinamica” e che, inevitabilmente, l’innovazione porta anche a contrazioni occupazionali.
In questa affermazione c’è poco da leggere tra le righe ed è chiara la preoccupazione che nel corso delle assemblee tante lavoratrici e lavoratori hanno espresso.
I sindacati e tutti i dipendenti hanno chiesto certezze occupazionali, prospettive industriali, maturazione regolamentare dei ratei di ferie nei periodi di cassa integrazione, ma su questo l’azienda non ha dato alcuna risposta.

Venerdì 2 febbraio le organizzazioni confederali Cgil, Cisl, Uil insieme ai rispettivi sindacati metalmeccanici incontreranno le Istituzioni, il sindaco di Modena Muzzarelli e l’assessore regionale Vincenzo Colla alle ore 11.15 presso la sede comunale in piazza Grande.

Non sono passati nemmeno due anni dagli eventi che hanno coinvolto le stesse Istituzioni del territorio e la Regione per festeggiare l’avvio di una nuova stagione produttiva di Maserati e l’insediamento del cuore della ricerca e sviluppo a Modena. Oggi la vaghezza espressa dall’azienda mette in discussione quanto salutato con favore solo due anni fa.

Il 2 febbraio una delegazione di lavoratrici e lavoratori Maserati attenderà in piazza Grande i propri rappresentanti sindacali. Le rassicurazioni rese pubbliche a mezzo stampa da Maserati, infatti, non rassicurano i dipendenti che, ormai, abituati da Stellantis alle continue riduzioni di personale, sono preoccupati per il loro futuro e attendono risposte in tal senso.

Stefania Ferrari, segretaria Fiom Cgil Modena
Alessandro Gamba, segretario Fim Cisl Emilia Centrale
Alberto Zanetti, segretario Uilm Uil Modena e Reggio Emilia

Modena, 29/1/2024

 

Servizio del Tg Trc Modena, edizione delle ore 19.30 del 2/2/2024

 

Servizio La Pressa del 3/2/2024 (fonte: lapressa.it)

 

image_print

Articoli correlati

18 Lug 2024 autonomia differenziata

CONTRO L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA: UNA FIRMA PER L’ITALIA. UNITA LIBERA GIUSTA

“Contro l’autonomia differenziata: una firma per l’Italia. Unita libera giusta”. Con questo slogan si apre ufficialmente anche a Modena sabato […]

18 Lug 2024 caldo

CANTIERI EDILI, FILLEA CGIL: FERMARE ATTIVITA’ CON IL CALDO ESTREMO, APPELLO A MEDIA IMPRESE E COMMITTENTI

“Mai come in questi giorni bisogna interrompere le attività nelle ore più calde in tutti i cantieri. Per questo rivolgiamo […]

18 Lug 2024 cgil

LA CGIL PARTECIPA AI DIBATTITI ALLA FESTA PD DI ALBARETO

Nell’ambito delle iniziative alla Festa Pd di Albareto, che si apre oggi (e sino a domenica 21 luglio), sono previste […]