CGIL CISL UIL IN CAMPO PER FERMARE LA REGIONE. “NO AGLI AUMENTI DELLE RETTE PER ANZIANI E DISABILI”

01 Feb 2024 anziani, aumento rette, cgil, cgil cisl uil, cgil cisl uil emilia romagna, cisl, disabili, fnp, presidio, regione emilia romagna, spi, spi fnp uilp, spi fnp uilp emilia romagna, uil, uilp,

In programma due appuntamenti con i modenesi: il 7 febbraio presidio davanti alla sede della Provincia ed il 13 febbraio grande manifestazione in Regione.

Cgil, Cisl e Uil, insieme alle proprie categorie di pensionati Spi, Fnp e Uilp, hanno messo in campo una mobilitazione su tutto il territorio per coinvolgere e informare la comunità dei cittadini e delle famiglie modenesi sulla grave decisione presa dalla Regione Emilia-Romagna, in modo unilaterale, circa l’aumento delle rette per le case protette per anziani e per i centri socio riabilitativi residenziali per disabili.

Più che un incremento sarà una stangata che colpirà i segmenti più fragili della popolazione, con un aumento di 4.10 euro al giorno, ovvero più di 1.500 euro all’anno.

“Protestiamo perché la Regione sospenda la sua delibera, convochi immediatamente un tavolo di vera trattativa che discuta di accreditamento, qualità del servizio e del lavoro all’interno delle strutture – commentano i tre sindacati –. Gli eventuali aumenti devono parlare la lingua della gradualità, ed essere legati alla condizione economica e sociale delle famiglie, utilizzando ad esempio l’Isee. Inoltre, vogliamo conoscere i progetti della Regione utili a costruire servizi territoriali avanzati, in grado di rispondere con qualità ai bisogni di una popolazione che invecchia: al 2035, il 24% degli emiliano romagnoli, pari a più di 1.2 milioni di persone, sarà over 65 anni”.

Il “no” delle Organizzazioni sindacali all’aumento delle rette è netto e le ragioni di questa contrarietà saranno al centro della mobilitazione anche a Modena, con due appuntamenti prima della grande manifestazione regionale in programma il 13 febbraio a Bologna.

Il 5 febbraio, in concomitanza con il mercato cittadino, delegati e attivisti delle tre sigle sindacali effettueranno un volantinaggio in centro storico, mettendosi, ancora una volta, a disposizione dei cittadini per rispondere alle loro domande.

Mercoledì 7 febbraio, alle ore 10, si terrà un presidio di protesta davanti alla sede della Provincia di Modena durante il quale i sindacati saranno ricevuti dal Presidente della Provincia Fabio Braglia per esporre le preoccupazioni in merito ad una vertenza che, se la Regione non interverrà, inevitabilmente si scaricherà sulle spalle dei Comuni della provincia che già vivono non pochi problemi sul capitolo del bilancio.

In queste iniziative Cgil, Cisl e Uil non solo informeranno i modenesi e le modenesi ma chiederanno la loro partecipazione alla giornata di protesta prevista il 13 febbraio a Bologna, in viale Aldo Moro, davanti alla sede della Regione.

Modena, 1/2/2024

Case residenza per anziani: aumentano le rette, ma diminuiscono i tempi di assistenza alle persone
Servizio del Tg Trc Modena, edizione delle ore 19.30 del 31/1/2024

image_print

Articoli correlati

12 Giu 2024 bellco

SHOCK A MIRANDOLA: ANNUNCIATA LA CHIUSURA DEI REPARTI PRODUTTIVI DI MOZARC BELLCO. PROTESTA IMMEDIATA

Filctem Cgil e Femca Cisl alzano lo scudo e chiamano in soccorso tutta la Comunità.“Fermiamo insieme questo modo tossico di […]

12 Giu 2024 cgil

L’ENNESIMO FEMMINICIDIO CHE QUESTA VOLTA COLPISCE LA NOSTRA PROVINCIA

La Cgil di Modena esprime il proprio cordoglio per l’ennesimo caso di femminicidio che questa volta ha come sfondo la […]

12 Giu 2024 colpo di calore

CALDO E COLPI DI SOLE, COME TUTELARE I LAVORATORI

L’iniziativa “Caldo estremo, colpi di calore e tutela della salute e sicurezza sul lavoro: prospettive e strategie”. Sono presentati i […]