FIRMATO IL CONTRATTO DECENTRATO DELL’UNIONE COMUNI MODENESI AREA NORD

09 Nov 2020 contratto, fp, unione area nord,

Dopo oltre un anno e mezzo di incessanti trattative, venerdì scorso è stata finalmente sottoscritta l’ipotesi di rinnovo del contratto decentrato dell’Unione dei Comuni Modenesi Area Nord per gli anni 2019-2021.
“Un contratto importante – affermano Andrea Santoiemma Fp Cgil Modena e Sabrina Torricelli Fp Cisl – che vede raggiunti tutti i principali obiettivi che si erano poste le organizzazioni sindacali e che dà un segnale ad un territorio dove la contrattazione è sempre stata difficile. Ancora di più in questo momento, dove l’incertezza per l’uscita del comune di Mirandola sembrava poter mettere in ulteriore difficoltà la trattativa. L’accordo raggiunto prevede che ben il 50% dei lavoratori otterrà le progressioni economiche orizzontali (incrementi economici attraverso il salario accessorio) già nel 2020 e dal 2021 saranno introdotti sistemi che garantiranno una costante alimentazione di un fondo dedicato alle progressioni, con lo scopo di permettere nel tempo aumenti a tutti i lavoratori.”
La trattativa partita con numerosi ostacoli e risorse assolutamente insufficienti si è sbloccata grazie ad un fortissimo impegno.
“È stato un risultato difficile da ottenere – continuano Fp Cgil e Fp Cisl – reso possibile solo grazie ad un lavoro certosino e costante delle Rsu che hanno individuato tra le pieghe del fondo le risorse necessarie e soprattutto grazie alla mobilitazione dei lavoratori iniziata alla fine del 2019 e mai terminata, che ha permesso di spostare anche risorse dal fondo delle Posizioni Organizzative (lavoratori con funzioni apicali) a quello di tutti i 210 dipendenti”.
“È un risultato storico e siamo molto fieri di quanto ottenuto – continuano i sindacati – Auspichiamo che questo importante risultato, unitamente alla firma dell’ipotesi di contratto anche nel Comune di Mirandola della settimana scorsa, sia da stimolo per tutti i comuni del territorio dove le contrattazioni non sono ancora concluse e che ci dia ancora maggiore forza per affrontare e risolvere anche i nodi emersi su organizzazione e qualità del lavoro, in alcuni casi vere e proprie emergenze a cui porre quanto prima rimedio.”

 

 

 

Mirandola, 9/11/2020

image_print

Articoli correlati

12 Giu 2024 bellco

SHOCK A MIRANDOLA: ANNUNCIATA LA CHIUSURA DEI REPARTI PRODUTTIVI DI MOZARC BELLCO. PROTESTA IMMEDIATA

Filctem Cgil e Femca Cisl alzano lo scudo e chiamano in soccorso tutta la Comunità.“Fermiamo insieme questo modo tossico di […]

12 Giu 2024 cgil

L’ENNESIMO FEMMINICIDIO CHE QUESTA VOLTA COLPISCE LA NOSTRA PROVINCIA

La Cgil di Modena esprime il proprio cordoglio per l’ennesimo caso di femminicidio che questa volta ha come sfondo la […]

12 Giu 2024 colpo di calore

CALDO E COLPI DI SOLE, COME TUTELARE I LAVORATORI

L’iniziativa “Caldo estremo, colpi di calore e tutela della salute e sicurezza sul lavoro: prospettive e strategie”. Sono presentati i […]