GENERIamo cultura, A CARPI ASSEMBLEE FRA LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DELLA ZADI E DELLA FEDERAL-MOGUL POWERTRAIN CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

26 Ott 2023 federal mogul, fiom, GENERIamo cultura, violenza contro donne, violenza di genere, zadi,

Le lavoratrici e i lavoratori metalmeccanici della Zadi Spa e della Federal-Mogul Powertrain Italy Srl di Carpi hanno fatto da apripista per le assemblee contro la violenza di genere che la Fiom Cgil provinciale sta organizzando anche in altre aziende metalmeccaniche della provincia.
Si sono tenute ieri all’interno delle due aziende carpigiane i primi incontri in orario di lavoro nell’ambito del progetto nazionale “GENERIamo cultura” promosso da Federmeccanica e Fiom Fim Uilm, frutto della clausola di genere inserita nell’ultimo ccnl 2021-23.
Si tratta di una campagna nazionale di sensibilizzazione nelle aziende con iniziative formative/informative per la prevenzione delle molestie nei luoghi di lavoro e sulla violenza di genere finalizzate allo sviluppo della cultura e del rispetto della dignità della donna.
Di fronte a una platea attenta di lavoratrici e lavoratori le operatrici dell’associazione carpigiana Vivere Donna Centro Antiviolenza hanno presentato l’associazione, hanno parlato di violenza di genere in ambito domestico, di come riconoscere i primi segnali, spiegando i vari tipi di violenza esercitati sulle donne: psicologica, fisica e sessuale.
“Abbiamo organizzato due assemblee in Zadi e due in Federal Mogul – spiega Manuele Pelatti funzionario Fiom Cgil Carpi – sono state molto partecipate da operai e impiegati, con interesse e attenzione”.
Vale la pena ricorda che si tratta di due importanti aziende del tessuto produttivo carpigiano: Zadi azienda leader nella componentistica per moto con 160 addetti di cui l’80% donne, Federal Mogul Powertrain azienda del settore automotive che produce candele e bobine per auto con circa 100 addetti.
“Molte lavoratrici sono intervenute durante gli incontri, e anche i lavoratori – spiega Pelatti – hanno fatto domande su come si può contribuire a generare cultura di genere, hanno portato casi personali di difficoltà familiari, c’è stata molta serietà sull’argomento. Il bilancio di questi incontri è senz’altro molto positivo”.
Dopo i momenti formativi/informativi, l’obbiettivo successivo per la Fiom Cgil e i delegati aziendali è quello di arrivare a istituire dei Comitati per la parità di genere all’interno delle aziende, come previsto dallo stesso contratto nazionale.

Carpi, 26/10/2023

Assemblea in Federal Mogul 2023-10-25

image_print

Articoli correlati

14 Giu 2024 bellco

VERTENZA MOZARC BELLCO MIRANDOLA, “GIU’ LE MANI DAL BIOMEDICALE!” DOMANI 15 GIUGNO GRANDE CORTEO PER LE VIE CITTADINE

Si annuncia imponente il corteo per le vie cittadine di Mirandola promosso dai sindacati Cgil e Cisl insieme ai sindacati […]

14 Giu 2024 cgil

SPI MO’, RIPARTE LA TRASMISSIONE DEL SINDACATO SU TRC CON LA NOVITA’ OPEN CGIL

Prosegue anche per il 2024 la trasmissione Spi Mo’ del sindacato pensionati Spi Cgil Modena dedicata ai problemi e agli […]

13 Giu 2024 crisi

STELLANTIS. OREGGIA (FIOM): NESSUNA GARANZIA PER MODENA E CENTO. NECESSARIO UN PIANO STRATEGICO PER GLI STABILIMENTI ITALIANI

“Nell’incontro di oggi tenutosi al Mimit con la partecipazione del Ministro Urso, purtroppo si confermano tutte le preoccupazioni che come […]