INFORTUNI SUL LAVORO: CGIL CISL UIL CHIEDONO PATTO PER LA SALUTE E SICUREZZA

27 Mag 2021 cgil cisl uil modena, contrattazione, dpi, fermiamo la strage nei luoghi di lavoro, formazione, infortunio lavoro, ispettorato lavoro, malattia professionale, modena, patto per la salute e sicurezza, prefettura, presidio, prevenzione infortuni, rls, rlst, salute sicurezza, sicurezza, spasl,

Formazione dei lavoratori, “patente a punti” per le imprese, potenziamento delle ispezioni, valorizzazione della contrattazione nazionale e decentrata, rafforzamento della rappresentanza sindacale in azienda, innovazione dei dispositivi di protezione individuale e delle tecnologie per la prevenzione, inserimento della salute e sicurezza del lavoro nei programmi delle scuole superiori.

Sono i sette punti cardine di quello che Cgil Cisl Uil definiscono un “patto per la salute e sicurezza necessario e urgente per fermare la strage nei luoghi di lavoro”.

Il programma di contrasto agli infortuni sul lavoro e malattie professionali elaborato da Cgil Cisl Uil a livello nazionale è stato consegnato oggi al prefetto di Modena durante il presidio organizzato nell’ambito della campagna di mobilitazione che, partita la settimana scorsa, comprende assemblee nelle fabbriche modenesi e distribuzione di materiale informativo ai lavoratori.

«L’Italia è tra i pochissimi paesi dell’Unione europea privi di una strategia nazionale per la salute e sicurezza sul lavoro – affermano Cgil Modena, Cisl Emilia Centrale e Uil Modena-Reggio – È fondamentale che le istituzioni agiscano in stretta collaborazione con i corpi intermedi, a partire dal sindacato confederale, valorizzando i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza aziendali e territoriali (rls e rlst) e gli organismi paritetici. Da questo punto di vista riteniamo che l’esperienza dei protocolli e comitati Covid-19 avviata nelle aziende e nei territori possa rivelarsi preziosa per un nuovo piano di prevenzione degli infortuni e tutela della salute».

Consapevoli che la questione della sicurezza sul lavoro non si affronta solo con la vigilanza, i sindacati chiedono tuttavia che le istituzioni ed enti preposti lavorino congiuntamente.

L’Ispettorato del lavoro, per esempio, deve agire in coordinamento stretto con lo Spsal (Servizio prevenzione dell’Ausl di Modena), specialmente in alcuni settori (come logistica, edilizia e agricoltura), caratterizzati da un doppio deficit di legalità e sicurezza del lavoro.

«Spesso, infatti, la regolarità contrattuale fornisce qualche garanzia in più al lavoratore sul rispetto delle norme per la salute. Al contrario la vulnerabilità economica e la debolezza contrattuale sono fattori che più influiscono sul rischio di infortunarsi o ammalarsi e che – concludono Cgil Modena, Cisl Emilia Centrale e Uil Modena-Reggio – riguardano soprattutto i lavoratori precari, gli stranieri e le donne».

Modena, 27/5/2021

 

Servizio del Tg Trc Modena, edizione delle ore 19.30 del 27/5/2021

 

Servizio del Tg Tv Qui Modena, edizione del 27/5/2021

 

Foto del presidio del 27 maggio 2021

 

INFORTUNI SUL LAVORO: GIOVEDÌ 27 MAGGIO PRESIDIO CGIL, CISL, UIL DAVANTI ALLA PREFETTURA DI MODENA, comunicato stampa 25.5.21

 

Fermiamo la strage nei luoghi di lavoro - 27 maggio 2021 presso Prefettura di Modena

 

 

image_print

Articoli correlati

20 Giu 2024 d.lgs. 81/2008

QUANDO IL GIUDIZIO D’IDONEITÀ DEL MEDICO COMPETENTE È CON PRESCRIZIONI

Come noto, in materia di sorveglianza sanitaria il Testo Unico prevede che “il medico competente, sulla base delle risultanze delle […]

20 Giu 2024 filt

SONNO, SALUTE E SICUREZZA: GIOCARE PER MIGLIORARE LA PREVENZIONE

Con la ripresa della mobilità conseguente alla riduzione delle misure di contenimento della pandemia da COVID-19 sono tornati ad aumentare […]

20 Giu 2024 fillea

IMPARARE DAGLI ERRORI: QUANDO GLI INCIDENTI AVVENGONO CON LE TERNE (MACCHINE SEMOVENTI PER SCAVO E CARICO DI MATERIALE)

Le terne sono delle macchine semoventi, su ruote o su cingoli, generalmente dotate, anteriormente, di una benna per lo scavo, […]