MEDICI E INFERMIERI NON TROVANO CASA IN AREA NORD. IL CARO-AFFITTI È UN’EMERGENZA CHE RIGUARDA LA SANITÀ, MA NON SOLO!

26 Giu 2023 caro affitti, casa, cgil area nord, spi, sunia,

Come è noto, spesso il Distretto Sanitario dell’Area Nord modenese non riesce a reclutare medici e infermieri, anche a causa delle difficoltà a reperire case in affitto.
Il problema dell’alloggio per i lavoratori non è solo di carattere economico (a Mirandola gli affitti arrivano a superare gli 800 euro al mese, ma anche nelle aree limitrofe le cose non vanno meglio), ma sopratutto di carattere quantitativo.
Infatti il numero di alloggi per l’affitto presenti sul territorio è ampiamente inferiore al numero di alloggi necessari non solo per lavoratori “fuori sede”, ma anche per famiglie e studenti, rispecchiando, anche a livello locale, le problematiche emerse a livello nazionale ed esplose in queste settimane all’onore delle cronache tramite la mobilitazione nazionale degli studenti, lanciata dall’Unione degli Universitari, con lo slogan ‘Senza casa, senza futuro’.
La denuncia arriva da Cgil e sindacato pensionati Spi Cgil della zona di Mirandola, che assieme al sindacato inquilini Sunia Cgil, chiedono ai Comuni del Distretto di aprire un confronto sulle politiche abitative, visto che i provvedimenti fin qui adottati, non sono stati efficaci.
“Vorremmo quindi iniziare da un’analisi della situazione per arrivare a un vero e proprio “Patto per la casa” che riguardi tutta l’Area Nord” affermano Marco Bottura coordinatore Cgil, Massimo Tassinari (Spi/Cgil) e Marcello Beccati (Sunia Cgil).
Il problema dell’insufficienza di alloggi per la locazione, assieme al caro-affitti, non riguarda quindi solo i professionisti della sanità, che sempre più spesso arrivano da lontano, ma colpisce anche molti lavoratori del settore industriale, in particolare quello del biomedicale.
Per questo occorre una nuova politica e un progetto complessivo di diritto alla casa, all’interno del quale devono essere individuate anche forme di sostegno abitativo per lavoratori “fuori sede”, altrimenti il concetto stesso di mobilità lavorativa rischia di scomparire nel nostro Paese, bloccando ulteriormente le sue possibilità di sviluppo ed evoluzione sociale.
“Noi pensiamo – ribadiscono Bottura, Tassinari e Beccati – sia arrivato il momento di mappare il patrimonio abitativo sfitto, pubblico e privato, istituendo fondi a favore dei Comuni per cofinanziare l’acquisto e la ristrutturazione di alloggi e la possibilità di intervenire su aree dismesse. Così da poter immettere sul mercato, in tempi celeri e certi, tutto quel patrimonio “non abitato” che oggi alberga in gran parte delle città di questo paese.
La sanità e il settore produttivo hanno bisogno di personale per funzionare al meglio e per questo la comunità deve rendersi responsabile, per assicurare la sostenibilità economica di chi vorrebbe diventare un nuovo residente”.

 

Mirandola, 26/6/2023

image_print

Articoli correlati

14 Giu 2024 bellco

VERTENZA MOZARC BELLCO MIRANDOLA, “GIU’ LE MANI DAL BIOMEDICALE!” DOMANI 15 GIUGNO GRANDE CORTEO PER LE VIE CITTADINE

Si annuncia imponente il corteo per le vie cittadine di Mirandola promosso dai sindacati Cgil e Cisl insieme ai sindacati […]

14 Giu 2024 cgil

SPI MO’, RIPARTE LA TRASMISSIONE DEL SINDACATO SU TRC CON LA NOVITA’ OPEN CGIL

Prosegue anche per il 2024 la trasmissione Spi Mo’ del sindacato pensionati Spi Cgil Modena dedicata ai problemi e agli […]

13 Giu 2024 crisi

STELLANTIS. OREGGIA (FIOM): NESSUNA GARANZIA PER MODENA E CENTO. NECESSARIO UN PIANO STRATEGICO PER GLI STABILIMENTI ITALIANI

“Nell’incontro di oggi tenutosi al Mimit con la partecipazione del Ministro Urso, purtroppo si confermano tutte le preoccupazioni che come […]