“NESSUN DUBBIO”. SPETTACOLO TEATRALE SABATO 6 APRILE 2024 AL TEATRO ARISTON DI S. MARINO DI CARPI LA SICUREZZA SUL LAVORO AFFRONTATA IN MODO “ALTERNATIVO”

18 Mar 2024 carpi, cgil, federio ricci, giuseppe sepe, nessun dubbio, salute sicurezza, spettacolo teatrale,

Uno spettacolo ironico, coinvolgente a tratti “noir”, per parlare in modo alternativo e accattivante di
sicurezza sul lavoro
. “Nessun Dubbio” andrà in scena Sabato 6 aprile alle ore 20 al Teatro Ariston di
San Marino di Carpi
– via Boccaletti 3/B, per iniziativa del Circolo Ricreativo Bruno Mora aps in collaborazione con CGIL e ANPI di Carpi.
Ideatore e sceneggiatore dell’opera è il professore Federico Ricci, psicologo del lavoro e docente
all’Università di Modena e Reggio, che con la regia di Giuseppe Sepe, propone una “particolare” riflessione sul tema della sicurezza negli ambienti di lavoro, attraverso una rappresentazione teatrale coinvolgente, ironica, a tratti “noir”, ispirata dal film “La parola ai giurati” del 1957 interpretato da Hanry Fonda, dove gli Spettatori saranno condotti e coinvolti nell’indagine riguardante un incidente sul lavoro con conseguenze mortali, fino ad una sorprendente soluzione del caso.
Come su una scena del delitto, 12 personaggi scelti in modo casuale, accettano la sfida di indagare le vere cause di un incidente mortale. Ad ognuno è stato fornito un dossier con la documentazione disponibile sul caso in esame e la decisione sembra fin troppo semplice… ma all’improvviso accade qualcosa di inaspettato, solo uno dei partecipanti all’esperimento, esprime un ragionevole dubbio, suscitando sconcerto nei suoi undici compagni di avventura e nulla è più come prima….
Un tema importante come la sicurezza sul lavoro è sicuramente di grande attualità, e come denuncia la Cgil da tanti anni, è diventata, oramai, una vera piaga sociale e troppo in fretta si dimenticano le varie stragi sul lavoro che avvengono quotidianamente. Come spesso le norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro modificate dal legislatore, peggiorano le norme preesistenti.
È interessante l’approccio del professore Ricci secondo cui la maggior parte degli incidenti soprattutto
quelli più gravi con esito mortale capitano per una mancanza di competenze non tecniche
: significa che non manca la competenza tecnica, ma entrano in gioco aspetti psicologici, sociali e organizzativi. Proprio sugli aspetti organizzativi e la non applicazione delle norme di sicurezza, secondo la Cgil, sono i fattori che causano la maggior parte degli infortuni sul lavoro, anche mortali.
La formazione obbligatoria, prevista dalle normative, è necessaria e fondamentale, ma non è sufficiente. Si deve lavorare sugli aspetti relazionali e comunicativi, sull’organizzazione del lavoro, sulla collaborazione tra lavoratori, sull’attenzione particolare dei dirigenti affinché la sicurezza sia messa al centro e diventi parte integrante del lavoro. L’infortunio è il sintomo che qualcosa non ha funzionato al meglio nel sistema organizzativo aziendale: non aiuta fermarsi alla ricerca di un solo colpevole che spesso viene individuato nel lavoratore stesso. Su tutti questi aspetti lo spettacolo aiuta a ragionare indagando le cause più profonde degli infortuni e aiutando ad impostare una prevenzione efficace.
L’ingresso è a pagamento al costo di € 10, accompagnato da apericena facoltativo prima dello spettacolo al costo di € 10. Per informazioni e prenotazione chiamare il Circolo al 3409668915.

Carpi, 18/3/2024

image_print

Articoli correlati

19 Apr 2024 difendiamo la sanità pubblica

ADESSO BASTA! MANIFESTAZIONE NAZIONALE DI CGIL E UIL SABATO 20 APRILE A ROMA

Sabato 20 aprile si terrà a Roma una manifestazione nazionale organizzata da Cgil e Uil per rivendicare Locandina con l’articolazione […]

19 Apr 2024 infortunio lavoro

28 APRILE GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

Cgil e Inca dalla tua parte Il Diritto al lavoro e la tutela del lavoro sono i pilastri della nostra […]

19 Apr 2024 addestramento al lavoro

NORME E BACCHETTE MAGICHE

A fronte di eventi infortunistici che impattano pesantemente sull’opinione pubblica, la reazione istituzionale più frequente è quella di inventarsi nuove […]