Presentato a Viterbo il Centro universitario e culturale per l'integrazione tra l'Italia e la Romania

30 Set 2009

La struttura nasce dal progetto di collegamento tra Università della Tuscia e Università di Cluj – Napoca. Sarà un ponte culturale tra Italia e Romania

Presentazione ufficiale il 28 settembre a Viterbo del Centro universitario e culturale per l’integrazione tra l’Italia e la Romania. Il prefetto Alessandro Giacchetti ha ricevuto per l’occasione presso la sede della prefettura una delegazione romena composta dal sottosegretario al ministero dell’Educazione, Ricerca ed Innovazione Andrei Ionel, dal prefetto di Cluj – Florin Vasile Stamatian, dal Sindaco di Cluj Sorin Apostu e dal presidente dell’Unione Università di Cluj – Napoca Doru Pamfil. Per l’Italia, oltre al prefetto Giacchetti, erano presenti il sindaco di Viterbo Giulio Marini, il presidente della Provincia Alessandro Mazzoli, il vescovo di Viterbo Lorenzo Chiarinelli e il rettore dell’Università degli Studi della Tuscia Marco Mancini.

Il Centro, alla cui creazione ha contribuito la Fondazione OMNIA di Viterbo con il sostegno dell’Università LUMSA di Roma, è nato, infatti, allo scopo di realizzare uno scambio di conoscenze culturali, linguistiche e storiche fra Italia e Romania per promuovere lo sviluppo sostenibile nei rispettivi territori grazie al supporto delle più avanzate tecnologie multimediali di comunicazione e formazione.

Il percorso che ha portato alla creazione della struttura ha preso il via nei mesi scorsi con la firma in prefettura, il 25 febbraio 2009, di un protocollo d’intesa. Ricordandone le tappe più significative – tra cui il recente incontro, il 16 settembre scorso, tra il presidente del Consiglio Berlusconi e il primo ministro di Romania Emil Boc – il prefetto Giacchetti ha sottolineato in particolare come la comunità romena in Italia, con circa un milione di presenze, e la comunità italiana in Romania, con oltre 200 mila presenze e 20 mila aziende, rappresentano fattori di sviluppo economico e sociale per i due Paesi e sono una garanzia per le relazioni tra i due Paesi, che è interesse reciproco promuovere.
Anche così, infatti, si contribuisce alla costruzione di una coscienza dell’identità europea nel processo di integrazione in cui siamo impegnati con tutti gli altri cittadini dell’Unione.
Fonte: Ministero dell’Interno

image_print

Articoli correlati

12 Apr 2024 d.lgs. 81/2008

ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO: INCIDENTI, NORMATIVA E RIFLESSIONI

Non si parla spesso dei tanti incidenti che avvengono nell’ambito delle attività di volontariato, della Protezione Civile (PC) e del […]

12 Apr 2024 agenti chimici

GLI AGENTI CHIMICI PERICOLOSI E LA SCELTA DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Un utile strumento per migliorare la prevenzione delle conseguenze connesse all’esposizione alle sostanze pericolose, agli agenti chimici pericolosi, è un […]

12 Apr 2024 difendiamo la sanità pubblica

ADESSO BASTA! MANIFESTAZIONE NAZIONALE DI CGIL E UIL SABATO 20 APRILE A ROMA

Sabato 20 aprile si terrà a Roma una manifestazione nazionale organizzata da Cgil e Uil per rivendicare A Roma il […]