VILLA MARGHERITA, DOPO LO SCIOPERO DEL 21 DICEMBRE TREGUA NEL PERIODO FESTIVO: “NON MI FERMO, SCUSA, CANTO PURE A BOCCA CHIUSA”

22 Dic 2019 anaste, fp, presidio, sciopero, villa margherita,

Nonostante la pressione dell’azienda esercitata sui lavoratori e lavoratrici, l’adesione alla terza giornata di sciopero indetto da Fp Cgil di Modena è stata totale nel rispetto dei minimi essenziali.

Al presidio sotto la pioggia si è vista una grande partecipazione tra le lavoratrici ed i lavoratori di Villa Margherita ed erano presenti delegazioni di lavoratori di altre strutture di residenza per anziani della provincia, qualche famigliare delle persone assistite a Villa Margherita, studenti, militanti di forze politiche, associazioni, Stefania Ascari, parlamentare della Repubblica, che ha ascoltato i lavoratori e lavoratrici e si è impegnata a presentare nelle prossime ore un’interrogazione parlamentare portando la loro solidarietà.

I lavoratori e le lavoratrici di Villa Margherita sono contrarie alla decisione dell’azienda di applicare il nuovo contratto Anaste dal 1 gennaio 2020 come preannunciato. Un contratto – spiega Mohcine El Arrag della Fp Cgil di Modena – che, tra i vari aspetti negativi, presenta un aumento contrattuale pari a 39 euro mensili lordi, contro un aumento medio di oltre 80 euro sottoscritti nell’ultimo anno dalle categorie di Cgil, Cisl, Uil negli altri Ccnl del settore socio-sanitario”. Per di più i lavoratori sono beffati dal fatto che 39 euro sono pagati da loro stessi, attraverso i risparmi generati dalla riduzione di permessi, malattia, infortunio ed altri istituti.

Oltre a non essere sottoscritto dai sindacati rappresentativi, il nuovo contratto Anaste contiene chiaramente una serie di peggioramenti rispetto al Ccnl precedente. L’orario di lavoro formalmente rimane a 38 ore settimanali, ma è possibile portarlo a 40 ore. Le due ore aggiuntive non vanno considerate nemmeno lavoro straordinario né supplementare con una perdita secca di salario. I permessi vengono dimezzati da 51 a 26 ore annue, mentre l’istituto di malattia viene quasi cancellato e di fatto “criminalizzato”. Sarà pagato dall’azienda solo nei primi 4 eventi e solo in alcuni casi. Il periodo di comporto viene drasticamente ridotto: oltre a non pagare, sarà molto più facile licenziare in caso di malattia. Il risultato è che molte persone, tra mancato pagamento e rischio licenziamenti, si recheranno al lavoro anche in condizioni fisiche non idonee: ciò metterà a rischio non solamente la salute di lavoratrici e lavoratori, ma anche quella delle persone assistite già di per sé fragili.

La scelta della direzione di Villa Margherita di applicare il nuovo contratto Anaste che non è rappresentativo perché esclude le parti sociali maggiormente rappresentative a livello nazionale all’interno di un servizio accreditato in cui riceve delle risorse economiche pubbliche risulta inaccettabile.
Continua il silenzio assordante della proprietà e delle istituzioni locali territoriali.
La Funzione Pubblica Cgil di Modena insieme alle lavoratrici e lavoratori di Villa Margherita, nel rispetto della tregua prevista per i servizi essenziali nel periodo di festività, hanno convenuto di usare durante tale periodo un adesivo con lo slogan “io non mi fermo scusa, canto pure a bocca chiusa!!!”. L’adesivo verrà mantenuto fino all’assemblea sindacale concordata per la seconda settimana di gennaio e qui si decideranno altre forme e strumenti di lotta.

Fp Cgil Modena

Modena, 22/12/2019

 

Foto del presidio del 21/12/2019

Presidio Villa Margherita - 21/12/2019

 

Presidio Villa Margherita - 21/12/2019

 

Presidio Villa Margherita - 21/12/2019

 

 

image_print

Articoli correlati

12 Giu 2024 bellco

SHOCK A MIRANDOLA: ANNUNCIATA LA CHIUSURA DEI REPARTI PRODUTTIVI DI MOZARC BELLCO. PROTESTA IMMEDIATA

Filctem Cgil e Femca Cisl alzano lo scudo e chiamano in soccorso tutta la Comunità.“Fermiamo insieme questo modo tossico di […]

12 Giu 2024 cgil

L’ENNESIMO FEMMINICIDIO CHE QUESTA VOLTA COLPISCE LA NOSTRA PROVINCIA

La Cgil di Modena esprime il proprio cordoglio per l’ennesimo caso di femminicidio che questa volta ha come sfondo la […]

12 Giu 2024 colpo di calore

CALDO E COLPI DI SOLE, COME TUTELARE I LAVORATORI

L’iniziativa “Caldo estremo, colpi di calore e tutela della salute e sicurezza sul lavoro: prospettive e strategie”. Sono presentati i […]